Il 16 febbraio 2009 Don Backy scatena una polemica al programma L'Arena a causa del proferimento in diretta di una bestemmia, che non è altro che un'imprecazione piuttosto comune di "Per Dio". Il 16 maggio partecipa con successo alla trasmissione Ti lascio una canzone in onda su Rai1 duettando con Mario Scucces. Nello stesso periodo partecipa ad alcune puntate di MilleVoci, programma musicale di Gianni Turco. Nel 2009 Don Backy torna al cinema interpretando Impotenti esistenziali per la regia di Giuseppe Cirillo.

Don Backy è stato anche soggetto di una tesi di laurea in scienze della comunicazione: Biografia di Don Backy, dalla seconda guerra mondiale al triofono del pop. "La tesi è stata svolta da una ragazza de L'Aquila, una ragazza per bene, molto carina, si è dedicata interamente a questa sua tesi ed io credo di averla aiutata. Veniva spesso a casa mia e dopo lunghissime interviste io provvedevo a fare correzioni ai suoi scritti. Quando diede la tesi sedetti in cattedra con i professori che la esaminavano, mi sentii orgoglioso, alla fine mi regalò la sua tesi, una specie di vocabolario di 500 pagine con tanto di grafici. So che la ragazza ha trovato poi una collocazione professionale." 

Il 4 marzo 2010 Don Backy partecipa alla trasmissione Gigi, questo sono io, di e con Gigi D'Alessio - cantando in coppia con lui - L'immensità e Canzone. Il 19 marzo 2010 partecipa alla trasmissione Ciak... si canta! condotta da Pupo ed Emanuele Filiberto, cantando il brano Canzone. Nello stesso anno è nuovamente ospite nella trasmissione MilleVoci, di Gianni Turco, condotta da Gianni Nazzaro.  Nel 2010 è uscito, prodotto dal figlio Emiliano, il nuovo cd Il mestiere delle canzoni con il quale Don Backy ha festeggiato i cinquant'anni di attività artistica, nel cd si trova anche un cofanetto contenente un dvd intitolato 50 anni di Mestiere delle Canzoni, oltre al Cd/video di un concerto tenuto al Palapartenope di Napoli, il backstage della realizzazione del CD, il backstage della realizzazione del dvd e una lunga intervista.

 "L'album contiene dodici nuove canzoni, attraverso le quali ho cercato di sottolineare dodici momenti che ritengo siano stati importanti nella mia storia artistica, sono le rappresentazioni delle vicende che più mi hanno colpito. La canzone “Alberghi” racconta degli strani alberghi dove, cinquant’anni fa, muovendo i primi passi in questi ambienti, ci fermavamo a dormire con i miei amici musicisti, mentre altri momenti e ricordi nostalgici sono entrati a far parte di diverse miei canzoni; un altro brano “Le canzoni” è dedicato a quelli che io ritengo, anche se virtualmente, i miei maestri, qui sono rammentati alcuni nomi che hanno fatto parte della mia storia e che mi hanno insegnato questo mestiere, Fred Buscaglione, Carosone, Gaber, ognuno di questi mi ha aiutato a crescere.

La carriera di Don Backy si sviluppa quindi tra cinema, teatro, fumetti e libri, Don Backy ha oltre 50 anni di carriera, 400 canzoni, 17 album, libri, 23 film, teatro, ha pubblicato 12 libri, quadri, autore, cantante, interprete, pittore, ha lavorato con registi del calibro di Carlo Lizzani, Gianni Puccini, Bernardo Bertolucci, Luigi Polidoro. Ha lavorato  con attori del calibro di Gianmaria Volontè, Terence Hill, Franco Fabrizi, Ricccardo Cucciolla, Mario Carotenuto, Ugo Tognazzi, Carla Gravina, Renzo Montagnani.

Nell'aprile 2014 Don Backy è ospite di STILE ITALIANO LA STORIA DELLA CANZONE ITALIANA RACCONTATA DAI SUOI PROTAGONISTI programma radiofonico ideato e condotto dal giornalista e professore milanese Massimo Emanelli, l'artista raccconta la sua carriera con alcuni aneddoti e curiosità inedite.