HOMENEWSTVRADIOMUSICChi siamo

RADIO ONDA ROSSA

Emittente di Roma nata nel maggio 1977 fondata da un gruppo di militanti della sezione romana di Autonomia Operaia è stata una delle emittenti di riferimento del Movimento del '77, il 22 maggio 1980 viene chiusa per "motivi di ordine pubblico" unitamente a Radio Città Futura. Il 13 ottobre 1982 alle 2,15 un ordigno valutato in 3 Kg di dinamite esplode davanti alla porta dell’appartamento di Radio onda rossa, provocando danni rilevanti all’interno dei suoi locali, in tutto il palazzo e nei palazzi vicini. Lo stabile di via dei volsci viene dichiarato inagibile. Al momento dell’esplosione nei locali si trovava solo una persona che rimase illesa grazie alla lontananza dal luogo dello scoppio.  Radio Onda Rossa lo ricondusse immediatamente ad un'organizzazione sionista, le Lega di difesa ebraica (Led) che, nei mesi e soprattutto nei giorni precedenti, aveva telefonato alla radio minacciando i suoi redattori e annunciando un'azione punitiva. Il procedimento giudiziario aperto d’ufficio non arrivò ad accertare le responsabilità e la bomba rimase un atto di ignoti. I redattori della radio sostennero di aver ricevuto nei giorni immediatamente precedenti e successivi alla bomba, telefonate di rivendicazione dell’attentato.  Fin dalla nascita l'emittente ha trasmesso dai 93,300 e dai 93,450 per Roma e il Lazio, ma nel luglio 1987 venne oscurata dal segnale ben più potente di Radio Vaticana, nonostante le fosse stata riconosciuta anche dal Ministero delle Telecomunicazioni la legittimità a trasmettere su quella frequenza.  Nel 1997 decise allora di occupare la frequenza inutilizzata degli 87,900, da quel momento e fino al 2006 vi è stata una lunga controversia con il Ministero delle Telecomunicazioni. Nel 2001 Radio Onda Rossa ha partecipato al network Radio Gap (Global Audio Project) nato per raccontare i fatti del G8 di Genova. Per scelta ideologica la radio non ha mai ricavato il proprio finanziamento dalla pubblicità, preferendo la raccolta di fondi associata ad iniziative di vari genere, soprattutto nei centri sociali.   L'emittente oggi ha sede in via Vosci 56 a Roma, direttore Daniela Morando.