HOMENEWSTVRADIOMUSICChi siamo

ODEON TV

Da quanto rimane della vecchia Euro Tv, abbandonata da nove emittenti (che daranno vita a Italia7) nasce Odeon Tv per iniziativa di Callisto Tanzi, che trova un nuovo socio in Vincenzo Romagnoli.  Al momento della sua costituzione fanno parte di Odeon Tv venti emittenti:  TeleStudio, Quadrifoglio, TeleLiguria, Teleducato, Telecentro, TeleSanterno, Triveneta, Rtv 38, Teleroma56, Tele Capri, Telemare, Tva, TeleSicilia di Catania, Trm Teleradio del Mediterraneo, Video 66, Videoregione, Sardegna 2.  In sostituzione delle emittenti scissioniste arrivano emittenti nuove: Telereporter, TeleMax, Antenna Sud.   Odeon Tv parte con 8 ore di programmi unificati, e annuncia progetti ambiziosi: il 10% dell’audience da conquistare in tre anni, per diventare il terzo polo televisivo nazionale.  La syndacation viene inaugurata ufficialmente il 6 settembre 1987 in diretta dallo Sporting Club di Montecarlo viene trasmessa una serata cui partecipano Dionnie Warwik, Donna Summer, George Benson, Roger Moore, Paolo Conte, a fare gli onori di casa c’è Paolo Villaggio. Primo direttore è Lillo Tombolini, proveniente dalla Fininvest, chiamato appositamente da Callisto Tanzi.

Fra i programmi cult di Odeon Tv ricordiamo FORZA ITALIA (condotto da Walter Zenga e Fabio Fazio, con Roberta Termali e Cristina Parodi),  BARZELLETTE, programma ideato e condotto da Alessandro Ippolito, UNA NOTTE ALL'ODEON con Claudio Bisio, Enzo Iacchetti, Paolo Scotti, Stefano Sarcinelli e Giobbe Covatta, programma che oltre a lanciare questi comici anticipa molti format poi proposti dalla Rai e dalla Finivest. Fra gli altri programmi di Odeon: AUTOSTRADE, X AMORE condotto da Barbara D’Urso, SUGAR (contenitore per ragazzi), ODEON TOP MOTORI, QUEST'ITALIA (rotocalco di cultura e news), M'AMA NON M'AMA con Sebastiano Somma, MA QUANTO MI AMI? condotto da Marco Predolin e Ramona Dell’Abate, DALLA PARTE DEL CITTADINO, LA STRISCIA COMICA,  WILMA E CONTORNI condotto da Wilma De Angelis, IL CALCIO SUI MACCHERONI con Ugo Conti, Roberta De Rosso e Luca Serafini,   Buono anche il pacchetto film (prevalentemente commedie all’italiana anni ’70) e di cartoni animati (mitica la serie I CAVALIERI DELLO ZODIACO, mandati in onda per la prima volta in Italia), Alla fine degli anni ’80 Odeon registra la defezione di Romagnoli, che viene sostituito dal costruttore ed imprenditore marchigiano Edoardo Longarini che diventa nuovo socio di Tanzi; altro personaggio che partecipa all'avventura di Odeon è Marco Bssetti, poi presidente di Endemol Italia.  Fra il 1988 e il 1989 ci sono state alcune defezioni, abbandonano infatti la syndacation Teleroma56, Triveneta, TeleStudio, Quadrifoglio e Tele Capri  Nel 1989 Callisto Tanzi cede la maggioranza delle quote societarie Florio Fiorini, Giancarlo Parretti e Fulvio Lucisano di Tv7 Pathè, pur restando socio di minoranza, nel 1991 Odeon passa  alla Sasea di Florio Fiorini e Angelo Samperi  (imprenditore televisivo romano fratello del regista Salvatore), nel 1993 Samperi tenta un rilancio della syndacation con film di cassetta, rubriche, la trasmissione comico ASCOLTA SI FA NOTTE con Giobbe Covatta ed Enzo Iacchetti.  Direttore generale di Odeon è Lillo Tombolini, l’emittente trasmette telegiornali a livello locale, si pensa a un tg nazionale ma non se ne farà nulla.  Il 7 luglio 1990 Odeon finisce nelle mani del curatore fallimentare Luigi Franco, di li a poco arriva un'altra cordata di imprenditori capitanata da Angelo Samperi e da Enrico Da Rin che danno vita ad un progetto di sinergia con il circuito di Grandinetti Cinquestelle. Odeon e Cinquestelle sono riunite, unitamente a Supersix, TivuItalia e Italia 7 nel circuito Rta. Nel 1996 si registra la defezione di Tva che chiude i battenti (sarà successivamente rimpiazzata con Tca), sono entrate in Odeon anche  la marchigiana TeleAdriatica, la veneta TeleRegione, la campana Italia Mia, la romana Rete Oro, la napoletana Canale 21, e le piemontesi Video Nord e VideoNovara, la siciliana Telemed (che sostituisce Trm).    Fra i programmi della seconda metà degli anni ’90 ricordiamo LIBERI SGARBI QUOTIDIANI con Vittorio Sgarbi, BUSSA ALLA MIA PORTA condotto da Don Antonio Mazzi. I progetti di Grandinetti vanno però in fumo, e, dopo una parentesi affidata alla gestione di Terenzio Vergnano, nel nuovo millennio, Odeon Tv viene acquistata dalla Profit di Raimondo Lagostena (già editore di TeleCampione cbe ha da poco rilevato anche Telereporter). Con un piano di rilancio basato sull’integrazione stretta fra canali nazionali e programmazione locale, Lagostena punta ad occupare una parte di rilievo nel panorama televisivo italiano. L'emittente capofila diventa Telereporter, i programmi di Odeon Tv sono visibili in quasi tutta Italia, e vengono aumentati (Lagostena ha anche acquistato TivuItalia e Junior Tv).  Nell'ottobre 2002 Odeon Tv festeggia i suoi primi 15 anni di vita con una festa nella discoteca milanese Propaganda. Fra i programmi di Odeon gestione Lagostena ricordiamo: DIECI IN SALUTE con Lorella Bertoglio, CON I PIEDI PER TERRA (rubrica di agriturismo condotta da Gabriella Prazzini), FANTALISCIO (condotta da Marco Predolin), COME THELMA & LOUISE con Elsa Lepore e Justine Matera,  BARBA E CAPELLI con Gigi Moncalvo, CAVALIERE CI CONSENTA condotto da Arturo Diaconale e Paolo Pillitteri, TINA MITE condotto da Tina Lagostena Bassi. Altri programmi di Odeon Tv sono le rubriche 45° parallelo, Italia nel blu, Cucinando s’impara, Area di servizio, Il Lotto in salotto. il varietà notturno Playboy late night, programmi Scusi, vuol ballare con me?, Presa diretta con Mario Barone, Il popolo della notte condotto da Roberto da Crema, e Extra omnes condotto da Gianfranco Funari e Morena Zapparoli, con il comico Pongo. Da Odeon Tv sono passati personaggi poi passati in Rai o in Mediaset e personaggi che, rifiutati dal duopolio Rai-Mediaset, perché “scomodi”, hanno trovato piena libertà a Odeon.  Con Lagostena editore Odeon Tv fa parte di una syndacation a cui appartengono Junior Tv, Telereporter, Telecampione, Sei Milano per la Lombardia. Nel frattempo cambiano alcune emittenti della syndacation:  esce TeleMax, ed entra TeleRegione Puglia;  nel 2005 esce dalla syndacation Triveneta che viene rimpiazzata da  Lady Tv (entrambe del gruppo Chasen).   Per riassumere questo complicato alternarsi di entrate ed uscite dalla syndacation ecco l'elenco delle emittenti affiliate a Odeon nel 2005: Tca (Trento), Rete Oro (Roma), Rtv 38, (Figline Valdarno, Firenze), TeleAdriatica (Civitanova Marche), TeleRegione (Barletta), Telecentro,  Lady Tv (Veneto), Canale 21(Napoli),  Telemare (Pescara),  VideoNord (Vercelli), VideoNovara, VideoRegione (Siracusa), TeleNord (Genova), Telemed, Canale 7.  Le novità di questi ultimi anni sono le seguenti: nel 2005 TeleAdriatica (che rilevata al 50% da Luigi Ferretti entra a far parte di 7Gold) esce da Odeon;   sempre nel 2005 con l'acquisto da parte di Raimondo Lagostena di Canale 10, TeleGenova e TeleLiguria, anche queste storiche emittenti entrano nell'orbita di Odeon. Un nuovo collaboratore di spicco di questi ultimi tempi è Lamberto Sposini. Nel 2007 abbandona la syndacation Rete Oro, subentrano Telereporter Roma (emittente fondata da Lagostena che rileva le frequenze di Radio Italia Tv Centro di Mario Volanti) e Telereporter Sud, viene nominato un nuovo direttore, Riccardo Pasini, Odeon Tv festeggia il proprio ventennale con un logo rinnovato.  Le emittenti che oggi fanno parte di Odeon sono:  VideoNord , Telereporter, TeleGenova, Telealtoveneto, Canale 6, Telecentro, Rtv 38,, Telereporter Roma, Canale 21 Telereporter Sud TeleRegione, Telemed. Nel settembre 2008 parte il tg nazionale di Odeon diretto da Roberto Vallini che coinvolge le emittenti del circuito e che è visibile anche sul canale satellitare Odeon Say (Sky-Box 827).