HOMENEWSTVRADIOMUSICChi siamo

LE RADIO DEL PASSATO DELLA TOSCANA



 

 

TOSCANA

 

 

 

FIRENZE

 

RADIO FIRENZE CENTRALE: "Stazione democratica dipendente della sinistra", nasce nel 1975, l'emittente censita sul numero 46 del marzo 1976 della rivista SUONO STEREO. Ha vita breve dato che nel marzo 1977 non fa parte della “Carta delle stazioni radio italiane 1976/77” edita da Millecanali e del “Minidizionario delle radio libere” pubblicato nel numero 1 del marzo 1977 della rivista RADIO GIOVANI, presumibilmente chiude nel corso del 1976. Come moltissime altre emittenti quasi nulle sono le notizie d’archivio. Invitiamo tutti coloro che ne fossero in possesso di contattare la nostra redazione (Ruggero Righini).   

 

RADIO FIRENZE INTERNATIONAL

 

RADIO FIRENZE

 

RADIO FIRENZE SUD

 

RADIO FIRENZE LIBERA

 

RADIO ALTERNATIVA FIORENTINA

 

RADIO ZERO

 

HAPPY RADIO

 

PUNTO RADIO

 

RADIO CENTOFIORI

 

RADIO ONE

 

RADIO FIESOLE

 

RDF 102,700 FIRENZE: l'acronimo stava per Radio Diffusione Fiorentina, nacque nel 1976,prima sede via Montebello 36, mhz 102,700.  All’inizio si è caratterizzata per il format classico, poi in seguito alla musica ha alternato l’informazione e le rubriche. Radio di servizio è diventata oggi regionale. Tra i primi collaboratori: Carlo Conti e Walter Santillo. Si sente anche in Internet. (Ruggero Righini). Il fondatore di Rdf (fonte PRIMA COMUNICAZIONE) fu il signor Anglari.

RADIO ALT: nasce a Sesto Fiorentino nel 1976, dalla casa del Popolo di Colonnata, mhz 95,500, l'acronimo stava per Radio Antenna Libera, cesserà di esistere negli anni '80. Nel nuovo millennio la webtv Sesto Webtv si richiama a questa esperienza.

 

FREE RADIO: Fm 88.3 nasce a Scandicci. Al timone ci sono Antonio Bruno, ex Latte e Miele, e Steven Rosenfeld, dj americano ormai naturalizzato fiorentino con una solida esperienza di conduzione in stazioni Usa.  Moltissima musica rock americano, jazz, blues, una programmazione libera da schemi rigidamente commerciali e zero parole. Solo notiziari in più lingue e informazione sportiva. (Ruggero Righini).

 

RADIO ALFA 106

 

RADIO ITALIAN NETWORK

 

RADIO TOSCANA NETWORK (RTN): nasce nel 1993 è tuttora in attività.

 

RADIO MIX

 

RADIO RADICALE FIRENZE

 

RADIO GAME

 

SUPER RADIO FIRENZE: emittente nata nel marzo 1979, sede piazza Indipendenza 21, Firenze.

 

RADIO GERONIMO: nasce nel 1983 nei locali della Pubblica Assistenza in via Sestini a Campi Bisenzio (Firenze) dall’idea di un gruppo di amici e volontari, tra i quali Cristina Caramelli e Alessandro Landi. Dopo aver rilevato gli impianti di radio Antenna Toscana dalla casa del popolo di Colonnata a Sesto Fiorentino, l'emittente inizia a trasmettere in FM sulle frequenze 89.200 e 107.200 MHz. Ma nel 1985, complice anche l’inesperienza, la radio perde la forza e l’entusiasmo iniziale e pian piano si sgretola. Perde anche il nome e, se pur per poco, diventa Radio Alba. Nel 1987 quando il valore associativo e politico perde completamente forza la radio chiude i battenti. A distanza di 30 anni il 18 maggio 2013, però, torna a trasmettere sul web dagli stessi locali con gli stessi collaboratori. (Ruggero Righini).  

 

 

 

SAUNARADIO: web radio nata il 22 agosto 2006 a Bagno a Ripoli (Firenze). Trasmetteva dal Circolo ARCI locale. Ha chiuso i battenti nel gennaio 2011 (Ruggero Righini).  

 

RADIO BELLARIVA: nasce a Firenze nel 1977, irradia i suoi programmi dai 97,000 mhz. E’ un’emittente ideata e fatta in casa da Stefano Mannelli appassionato di elettronica e radiofonia internazionale. Non segue un vero e proprio palinsesto ma addirittura tramite un baracchino CB montato su una bicicletta realizza interviste in diretta nel quartiere dove la radio trasmette. Poi programmi di musica e i notiziari di Radio Svizzera Internazionale rilanciata da questo prototipo di radio street o di strada targata anni ’70. Forse la prima. L’iniziativa continua sui 90 MHz ma irrimediabilmente come una bella storia ben presto arriva la parola fine! (Ruggero Righini).  

 

RADIO ALFA: nasce nel 1981 a Fiesole (Firenze) sulle colline della via Bolognese per conto di Antonio Raffaelli. Nello staff: Gianfranco Monti, Davide Sagliocca. La radio non ha lunga vita, nonostante le grandi potenzialità (Ruggero Righini).

 

RADIO GALLUZZO: nasce nel giugno 1979 a Firenze per volere di un gruppo di ragazzi del luogo che avevano in comune la passione per il mezzo radiofonico. Trasmette con un autocostruito da 15 watt da una stanza presa in affitto dalla locale Casa del Popolo, in Piazza Acciaiuoli. Tiene a battesimo una delle voci più conosciute nel panorama radiofonico toscano e non, quella di Alessandro Masti, uno degli ideatori e realizzatori di Radio Galluzzo in seguito ad emittenti di prestigio come Radio Libera Firenze, Radio Time, Lady Radio e adesso RTN e la 'nazionale' RTL 102.5. Ha  vita breve (circa un anno) sia per una mancanza di sostegno economico, sia per la sua collocazione nella banda FM, 107.9 MhZ, che ne rendono impossibile l'ascolto a chi possiede ricevitori con la banda 88-104 destinata dal Ministero delle Poste e Telecomunicazioni alle trasmissioni delle emittenti radiofoniche (solo successivamente ampliata fino a 108 MhZ).Chiude nel 1980.  (Ruggero Righini).

 

RADIO MONTEBENI

 

RADIO FLASH

 

RADIO NEW FLASH

 

TUTTORADIO: emittente di Monte Morello (Firenze) attiva dal 1980, mhz 97,500.

 

RADIO DIFFUSIONE: emittente di Scandicci nata nel marzo 1979, sede via Pisana 103.

 

RADIO POPOLARE: emittente di Scandicci, nata nel marzo 1979, sede via Paisiello 19.

 

RADIO QUADRIFOGLIO

RADIO TAVA (Tavarnuzze - FI)

RADIO SNOOPY (Campi Bisenzio - FI)

 

RADIO TIME

 

RADIO ANTENNA 3

 

RADIO ANTENNA X

 

ANTENNA 3: emittente di Scandicci, direttore Luca Fossati, fra i collaboratori Marco Baldini.

 

RADIO OLTRE IL FIUME: emittente comunitaria.

 

RADIO FIRENZE NORD


RADIO FIRENZE NUOVA: nasce nel 1977 a Firenze per iniziativa di un gruppo di amici dell'Istituto Tecnico Industriale fra i quali vi è Carlo Conti, i ragazzi usano un trasmettitorino che, quando è acceso, fa saltare gran parte dei televisori dei vicini. La radio dura pochi mesi (Ruggero Righini).

 

RADIO ONE: emittente nata l'1 ottobre 1976, nel 1992 viene acquistata dall'avvocato Riccardo Trigoria e da Pierluigi Stefani.

 

RADIO MANIA (Impruneta)

 

RADIO TOSCANA CENTRALE: emittente nata a Prato per iniziativa di Alessandro Beneforti. Nel 1982 entra nello staff Davide Sagliocca.

 

RADIO PRATO: mhz 103,500

 

RADIO DUE: emittente di Firenze nata nell'ottobre 1975 per iniziativa di Denis Pardi. Claudio Tilisi e Riccardo Tacchini, dal gennaio 1976 trasmette 24 ore su 24.

RADIO PULCE

 

RADIO VOCE DELLA SPERANZA: emittente di Firenze Fm 92.4  nasce in viale Pierraccini il 1 dicembre 1979 con un programma pomeridiano di musica registrata che ha una durata di circa quattro ore. Sin dall’inizio, però, non ha vita facile perché interferisce sulle frequenze di altre radio e per questo è ricevuta soltanto in una zona molto ristretta della città. E’ la prima emittente FM in Europa creata e gestita direttamente dall’avventista Ron Myers come una forma di annuncio del Vangelo. Nel 1980 Mario Maggiolini diventa direttore e o 80 esto èlle frequenze di altre radioin viale Pierraccini ldo miniati  che sulsano far altro che sognarsi. Pareti insonoriLuigi Caratelli assunto a tempo pieno con il compito specifico di produrre programmi. Fondamentale anche la presenza degli obiettori di coscienza, il primo dei quali Giovanni Pacini rimasto poi collaboratore “a vita”. Fra gli obiettori: Roberto Agnoletto, Paolo Tanini, Roberto Vacca.  Nel 1982  i nuovi studi in Via Trieste 23. La programmazione è di impostazione americana: prevalgono brani musicali, intervallati da brevi interventi spirituali e letture di testi biblici. Trovavano spazio anche programmi come “Settimana di meditazioni giornaliere” e “Block Notes” una raccolta di fatti e avvenimenti accaduti a Firenze e in Italia. Trasformazione significativa avviene col “dj robot” acquistato nel 1984 un nuovo sistema che permette un miglior controllo della programmazione. Nel 1989 inizia la collaborazione con il Comune di Firenze per la trasmissione in diretta delle sedute del Consiglio Comunale, tale attività, però, cessa ben presto a causa del segnale troppo basso percepito a Firenze. Passo decisivo nel 1990, arriva Milca Zanini quale responsabile. In radio ci sono: Rolando Rizzo, Raffaella Evangelisti, Milca Zanini. Dal 1996 passa al sistema computerizzato. Nel 1998 si dota del programma “Cool edit” che permette di lavorare su diverse tracce in modo molto più pratico e nel maggio inizia una collaborazione con Radio Svizzera. Grazie a questo contributo la radio trasmette un notiziario gratuito che arriva via satellite e alcuni programmi culturali d’approfondimento legati all’attualità, alla scienza e alla cultura. Grazie allo sviluppo tecnologico dall’ ottobre del 2000  inizia  una interconnessione via satellite con lo studio di Roma e con tutte le emittenti avventiste italiane per  una trasmissione in diretta nazionale. La radio comincia a produrre programmi in diretta con una certa frequenza ed arriva ad avere delle dirette con una cadenza giornaliera. A partire dal luglio 2003 trasmette notiziari nazionali ogni ora ed inizia un apporto da parte delle istituzioni locali, come la Provincia di Firenze e la Regione Toscana. Nel 2002 collabora con Radio Beckwith, emittente valdese di Torre Pellice. (Ruggero Righini).

 

RADIO STUDIO RC: emittente di Pietramala (Firenze)

 

RADIO YOUNG: mhz 102,500, San Casciano Val di Pesa.

 

RADIO CANALE 7: mhz 101,400

 

RADIO SIEVE

 

RADIO SIBO FIRENZE

 

RADIO SIBO RIFREDI: emittente di Rifredi, gestita dall’ineffabile Mauro Susini trova nel 1986 la collaborazione di Davide Sagliocca.
 

RADIO GLOBO: emittente di Sesto Fiorentino, ci lavorarono dapprima Carlo Conti, e, quindi, Marco Baldini..

 

RADIO GIOVANE (Scandicci)


ONDA RADIO (Antella - FI)


RADIO A (Fiesole)


RADIO FIESOLE CANALE 2 (Fiesole)


RADIO DEEJAY STAR (Scandicci)


HAPPY RADIO (Sesto Fiorentino)


AZZURRA NETWORK (Sesto Fiorentino)


RADIO VERA (Sesto Fiorentino)

 

RADIO STELLA: FM.103.700 e FM.98.200 nasce a Reggello (Firenze) nel 1989 per iniziativa di  Marco Cianferoni. Ha sede in via Mentana 29. La sua programmazione è  molto varia: da musica italiana attuale e anni '60 a brani internazionali. Apparecchiature digitali permettono una migliore qualità del suono. Copre le  province di Firenze, Arezzo e Siena. (Ruggero Righini).

RETE TOSCANA CLASSICA: si costituisce in Fondazione nel 2003 per iniziativa della Regione Toscana, della Fondazione Orchestra Regionale Toscana e dell'Associazione Pro Verbo di Prato con il sostegno della Regione Toscana - Giunta Regionale. Radio di natura comunitaria trasmette sui 93.3 per Firenze, Pistoia, Prato; 93.1 per Livorno, Lucca, Pisa, Versilia; 94.6 e 99.3 per Grosseto e provincia; 97.5 per Siena e provincia; 90.2 per la Val di Chiana. Ha sede in via Roma 133 a Prato. (Ruggero Righini).

RADIO STUDIO X

RADIO ANTENNA 1 TOSCANA: Fm 92.600 e 99.400 con sede a Prato in via Roma 133 è nata nel 1979. E’ diretta da Giuseppina Gestri. Trasmette in stereofonia, con tecnologia digitale ed Rds per le provincie di Firenze, Prato e Pistoia e la Val Bisenzio. Fa parte del circuito “In blu” duecento emittenti in tutta Italia, in un continuo scambio di esperienza per una visibilità a raggio nazionale. Si evidenzia per la qualità informativa locale redatta da Francesco Passoni e Giancarlo Gisoni, lo sport, il dialogo e soprattutto per la buona musica. (Ruggero Righini).

 

RADIO AURORA:  Fm 1006.900 con sede in via Della Chiesa 14 in Strada in Chianti (Firenze) nasce a fine anni ’70. Nel tempo si chiama Radio A, poi Radio Cinque ed infine nel 1987 StileRadio. Diretta da Claudio Zangarelli trasmette  per Firenze, Prato, Pistoia e la zona del Valdarno. (Ruggero Righini).

  

RADIO SESTO INTERNAZIONALE: Emittente di Sesto Fiorentino, sede via Scardassieri 87.

 

RADIO SESTO INTERNATIONAL: emittente di Sesto Fiorentino diretta da Stefano Noferini, ci lavorarono fra gli altri Carlo Conti e Marco Baldini.

 

RADIO SPERIMENTALE 6: emittente di Sesto Fiorentino nata nel 1976, mhz 102,100. sede via D.Guasti 5, fra i collaboratori Walter Santillo e Fabrizio Faber.

 

ANTENNA LIBERA TOSCANA: emittente di Sesto Fiorentino, nata nel marzo 1979, sede piazza M.Rapisardi 6.

 

RADIO STUDIO 54: Scandicci

 

RADIO BASE: emittente di Scandicci, sede via dei Ciliegi 17.

 

RADIO AMORE

 

RADIO INTERNATIONAL: mhz 104,200

RADIO ULISSE: emittente di Pisa, sede via Carlo Cattaneo 32, fm 96,400 mhz, nasce  il 29 luglio 1981 fondata da un gruppo di amici tra cui Valter Ballantini, Giorgio Meletti (poi giornalista economico al Secolo XIX, al Mondo, all’edizione italiana di Fortune, al Corriere della Sera, a La Nazione e a Paese Sera ed oggi a Il Fatto Quotidiano), Luca Doni (attuale direttore di Punto Radio), Franco Filiberto (scrittore), Carlo Castellani (Rudy Valentine), il dj più fascinoso, per via della voce calda e profonda (e invidiato), dell'emittente. Meletti, unitamente a Astore Ricoveri nel 1983 intervista Tony Negri. L'emittente è in onda fino al 1987 poi chiude. Sulla sua inedita storia per le produzioni Dal Basso è stato realizzato un documentario: "Viaggiando sulle onde - La storia di Radio Ulisse". (Ruggero Righini).  

 

RADIO TIME

 

RADIO SAMMARCO RADIO

 

STILERADIO

ONDA RADIO

CANALE 2 TIR

 

RADIO CASTELFIORENTINO: mhz 98,000

 

RTMC: mhz 91,100

 

RADIO TRE: mhz 101,400

 

CONTRORADIO - RADIO SFERA

 

CRUDELIA: emittente che si affilia a ItaliaVera.

 

CRUDELIA

 

RADIO SIGNA PUNTO ZERO

 

RADIO MUSIC: Fm 88.250 MHz, con perfetta ricezione nelle zone di Firenze, Prato, Pistoia, Empoli, Livorno e in parte della provincia di Lucca, secondo canale di Radio Time di Scandicci (Firenze), nasce il  7 gennaio 1989. Manda in onda 24 ore su 24 soltanto musica italiana selezionata tra le piu' belle canzoni, dai vecchi motivi di successo alle ultimissime novita' discografiche. Emittente soprattutto dedicata a coloro che cercano momenti di distensione e di relax o semplicemente preferiscono una tranquilla radio di sottofondo a un'emittente articolata cioè con un palinsesto che comprenda, oltre alla musica, programmi d'informazione e rubriche. (Ruggero Righini).

 

LADY RADIO

 

LADY MUSIC

 

RADIO MONTE SERRA

 

RADIO STELLA: emittente di Reggello (Firenze) nata il 18 maggio 1989, fondatore Marco Cianferoni, frequenze 98,200 mhz, e 103,700. area di copertura il Valdarno, programmazione musica italiana, prevalentemente anni '60. Sede via Mentana 29 a Reggello.

 

RADIO FANTASY

 

RADIO PLANET FIRENZE

 

RADIO 98: emittente di Castelfiorentino

 

NOVA RADIO: emittente di Firenze nata nel 1991, mhz 101,500, sede via Monte Lieto Casini 11. E’ la radio comunitaria dell’Arci comitato territoriale di Firenze e trasmette nell'area metropolitana fiorentina. Nella primavera del 2007 entra nella syndication di Radio Città Futura, emittente radiofonica di Roma. E’ lo spazio naturale per la diffusione della ricerca e della sperimentazione, delle nuove tendenze culturali, della creatività e dell'autoproduzione giovanile. Una voce libera e indipendente per l’informazione locale e nazionale. (Ruggero Righini).

 

NUOVA RADIO

 

RADIO VIOLA

 

RADIO ANTENNA TOSCANA UNO

 

RADIO PRATO

 

RADIO PIU': emittente di Prato

 

RADIO BLU: Fm 91.400, 91.800 nasce in via Francklin a Prato il 6 giugno 1977, sede in via Vittorio Veneto 7. Installa ripetitori sui monti: Fiesole, Caldana, Serra (Pisa), Parodi (La Spezia) e per questo riesce a coprire buona parte della regione Toscana fino ad arrivare in Liguria. Semplice ma efficace il palinsesto della programmazione, tre speaker conducono quattro ore di emissione a testa: la mattina  è dedicata a varie rubriche anche mediche per la casa e il tempo libero, nel primo pomeriggio le dediche e le interviste, l’ultima fascia con poche parole dedicata alla musica. Nel 1983 la svolta, trasmette il popolare “Il sondazzo” condotto dal mitico “G” Gianni Greco per anni direttore artistico dell’emittente, quotidiani scherzi telefonici diretti all’italia intera che prendono per il sedere gli italiani. Dal 1986 trasmette in esclusiva le partite della Fiorentina e la radio diventa viola e vola. per un certo periodo ha lavorato con questa emittente Robertino Arnaldi, ex di RadioMontecarlo. Nel 2006 Radio Blu passa al Gruppo Radio Cuore. Nel 2007 il “G” lascia per incomprensioni tra le proteste degli ascoltatori che avevano consacrato la sua trasmissione come il programma più ascoltato negli ultimi 25 anni (Ruggero Righini).

 

RADIO CHIANTI

 

RADIO DIFFUSIONE PONTASSIEVE: Pontassieve conosciuta anche con l'acronimo di Rdp, nacque nel 1977, la sua sede era in via Chiantigiana a Pontassieve (secondo altre fonti via Fratelli Cervi 61). Fra i collaboratori Luca Paoli e Pierluigi Picerno (attuale editore di Rdf 102,700 e di Lady Radio) che intervistato a Federico Sartori così ha ricordato il suo esordio: "Ho cominciato a lavorare in radio per hobby, nel periodo in cui frequentavo le scuole superiori. Mi piaceva molto occupare il mio tempo libero andando negli studi di RDP (acronimo della storica Radio Diffusione Pontassieve). Io e Luca Paoli – un mio caro amico -  facemmo un provino ed andò molto bene. La chiamata fu abbastanza repentina perché lo speaker che curava uno dei programmi del sabato – Raffaello Piani -  si era ammalato ed io lo sostituii in fretta e furia. La trasmissione si chiamava “Rock Show” ed il primo disco che passai, alle 17 e qualche minuto, fu “Lady Writer” dei Dire Straits. Ci tengo a dire che l'esperienza lavorativa a RDP – durata fino al 1985 -  è stata del tutto gratuita." Radio Diffusione Pontassieve chiuse i battenti nel 1987.

 

RTL FIRENZE: emittente che ha cessato di esistere nel nuovo millennio, le sue frequenze sono state rilevate da Rtl 102,5.

 

RADIO DIFFUSIONE PRATO

 

RADIO EMBASSY

 

RADIO MONTELUPO FIORENTINO: emittente nata nel marzo 1979, sede via Sinibaldi 35, Montelupo Fiorentino.

 

RADIO EVANGELICA FIRENZE: emittente nata nel marzo 1979 sede presso la Chiesa Biblica in via Spinello 24 a Firenze.

 

RADIO FIRENZUOLA RF 91: emittente nata nel marzo 1979, sede via G. Villani 44 Firenzuola.

 

 

RADIO LIBERA GAMBASSI: emittente di Gambassi nata nel 1979 sede via Torrino 9.

 

RADIO FATAMORGANA

 

RADIO FRAGOLA

 

RADIO INSIEME: “sempre insieme a te!” Fm 94.90  e 102.00 con studi in via del Bisenzio, 335 a Mercatale di Vernio (Prato)  nasce, come associazione culturale, nel 1981. Nel 1989 si trasforma in società cooperativa e allarga il bacino di utenza del proprio segnale fino a coprire oltre alla Val Bisenzio, anche la città di Prato. Il palinsesto di oggi prevede al mattino Marzia Manfredini con i grandi successi internazionali, le  notizie e curiosità dal mondo dello spettacolo e della canzone; il pomeriggio, con Massimo Innocenti, da ampio spazio alle notizie che arrivano dalla città e dall'intera provincia; i  programmi serali, invece, sono dedicati al filone del divertimento col programma “Banda Gastrica”, del gossip, della satira e degli approfondimenti musicali tematici con trasmissioni sul rock, l’elettronica e di tendenza. 35 i collaboratori, tutti appassionati di musica, uniti dalla voglia di fare radio anche divertendosi. Direttore responsabile è Leandro Innocenti. Responsabile di redazione Massimo Innocenti; Segretaria di redazione Marzia Manfredini: Redazione concerti e spettacoli Alberto Cavacciocchi; Redazione sportiva: Renzo Randellini, Franco Ciampi, Giuseppe Nuti, Sara Nebbiaia; Ufficio pubblicità: Lucia Lorenzi, Martina Guerrini, Daniela Naldi, Ufficio stampa: Daniela Lombardi, Giulia Ghinassi; responsabile tecnico Giulio Gheri (Ruggero Righini).

 

RADIO SIBO: emittente di Riferedi gestita da Mauro Susini, che dal 1986 trova trova la collaborazione di Davide Sagliocca.

 

RADIO GAS: “radiolibera” trasmette 24 ore su 24 da via del Seminario 33 a Prato solo sul Web, senza interruzioni pubblicitarie, il meglio della musica rock e pop degli ultimi 50 anni  e anche jazz, blues, soul, rythm & blues, musica celtica, country oltre la migliore musica etnica proveniente da tutto il mondo. Parla a tutto il mondo perché in tutto il mondo può essere ascoltata. Le trasmissioni sono condotte dal vivo. E’ una radio che non ha padroni, che non subisce condizionamenti da parte di nessuno. I conduttori trasmettono come vogliono quello che vogliono e quando vogliono e trasmettono gratis perché si divertono a trasmettere. Ad ascoltarla sembra di tornare indietro col nastro della memoria ai mitici anni d’inizio delle radiolibere, quando tutto era più bello… e noi con i capelli al vento e l’eschimo innocente che cercavamo di cambiare il mondo! Per stupirci oggi basta cliccare il sito della radio: le parole scritte sono musica! Mi piace riportare: “il  conduttore più giovane ha 19 anni, il più anziano 63, tutti e due sono malati di musica nello stesso modo, cronico, devastante e tutti e due vogliono contagiarvi se contagiati non lo siete già. Il rock ha 50 anni. In questi 50 anni ha prodotto miriadi di capolavori, piccoli e grandi, alcuni celebrati, altri pressoché dimenticati. Radio Gas intende aiutarvi a conoscere quanta più bella musica possibile, a prescindere dall’anno in cui è stata fatta, dal genere a cui appartiene. Radio Gas ha un progetto culturale, che si propone di stimolare attraverso la musica -ma non solo- la creatività delle giovani generazioni” (Ruggero Righini).

 

RADIO FIRENZE 2000

 

RADIO SPERIMENTALE 6 Fm 102.100 nasce nel marzo 1976 in due stanze di via Gramsci 171 a Sesto Forentino (Firenze). E’ creata da un gruppo di amici: Luciano Gennai, Stefano Noferini, il mitico Patuzzo, lo Stefani, i fratelli Ciulli. Arrivano da subito: Franco Ligas, Marco Banchelli, Walter Santillo, Marco Giorgi, Riccardo Risi, Gianfranco Monti, Flavio Gori, Fabrizio Faber (13 anni, un certo Enzo che si fa chiamare Pupo, David Guetta (16 anni che cura la Rondinella calcio ma esordisce nell’aprile 1978) e in seguito Gianni Greco. Programmi artigianali, telefonate con dediche la sera e tante altre cose oggi da fare luccicare gli occhi. Una radio che trova la presenza di molti quindici- sedicenni all’esordio dietro un microfono che poi faranno molta strada nel settore. Logo dell’emittente una mano che accende una radio disegnata da Paolo che presenta il Buongiorno. Altri collaboratori: Gino, Giga, Conti, Gheri, Grigio, Stavini, Capozzi, Marzio. Nell’autunno 1976 la sede viene trasferita in via dei Giunchi dove nello studio, al soffitto c’è appeso un paracadute. Altro cambio nel 1979 in via Guasti 5. Si sente a Firenze, Prato, Pistoia, Empoli, Pontedera. Quando alla fine dei mitici anni la sperimentazione diventa esperienza e gli speaker prendono strade più importanti tutto ha fine e la radio chiude (Ruggero Righini).

 

RADIO CENTRO FIRENZE - RADIO LUNA

RADIO ONDA VERDE

SUPERRADIO

 

RADIO MUGELLO FULL MUSIC: emittente di Borgo San Lorenzo nata nel marzo 1979, sede corso Matteotti 214.

 

RADIO LIBERA MUGELLO: Corso Matteotti 207 Borgo San Lorenzo, attiva nel marzo 1979

 

RADIO ONDA VERDE

 

RADIO IRIDE: emittente di Borgo San Lorenzo

 

RADIO TELE VALDARNO: emittente di Figline Valdarno, sede in via Castel Guinelli 70,

 

RADIO TELE ARNO: Fm 92.6, 103.250 e 106 nasce nel 1976 in via Benedetto da Maiano 6 a Fiesole (Firenze), sede sotto Fiesole in una villetta isolata. è conosciuta con l'acronimo di Rta.   Ci collaborano i coniugi Gianni e Paola Greco, Antonio Raffaelli e Marco Brunetti. Oltre la musica leggera presenta: ““A tutto Jazz”, “musica classica” , “Per voi dai quotidiani”, “Libero accesso”, “Cartomanzia”, “Sport Flash”, “Oggi libri cinema teatro arte sport”, “Servizi speciali e inchieste” e il gioco a premi “Parigi all’asta”. Nel 1977 entra Fabrizio Faber. Nel 1978 Marco Vigiani, Tiziano Giavannetti, Ettore De Pascale che suona in diretta col suo gruppo “I Lightshine”. Negli anni ‘80 si trasferisce in via Masaccio 153 a Firenze (Ruggero Righini).

 

RADIO VALDARNO: emittente di Figline Valdarno nata nel marzo 1979, mhz 103,500, sede via San Romolo 55.

 

 

RADIO KRISHNA CENTRALE

 

RADIO LIBERA FIRENZE

 

RADIO EMPOLI INTERNATIONAL: nasce nell’autunno del 1977 sui 103.9 MHz della FM dall’idea di un gruppo di amici guidati da Paolo Lunghi che poi nel 2007 scriverà per Ibiskos Uliveti edizioni “Via etere” che analizza il fenomeno radio libera. La prima sede in via Torricelli. La diffusione del segnale con un ripetitore di 20 watt fino a Montelupo per un raggio di 5 chilometri. Fondatori e primi speaker: Fabrizio Bagni, Stefano Marianelli, Claudio Mingardi, Marco Caciagli, Cesare Falomi, Gianni Assirelli, Fabio Canfailla, Roberto Esposito, Franco e Mario Marmugi, Paolo Pampaloni, Mariolone, Tania, Silvia Bignami, Giuseppina Ciluffo, Rita Megherini, Cristina Lavezzo, Maria, Patrizia, Daniela. La radio viene inglobata da Radio Play nel 1979. (Ruggero Righini).

 

RADIO PLAY: denominazione assunta negli anni '80 da Radio Empoli International.Fm 97.700 MHz, da non confondersi con il network regionale di Firenze con la stessa denominazione, nasce il 1 settembre 1991 in una cantina di via De Amicis 6 a Empoli. La radio suona, parla, informa e tiene compagnia nell’Empolese e  Valdelsa. Trasmette intrattenimento, giochi, rubriche di divulgazione, hit del momento, i grandi classici della canzone italiana e internazionale, informazioni e curiosità con oltre 10 notiziari al giorno, uno ogni ora e sport. Dal settembre 2009 incorpora Radio Sei Sei ed amplia il raggio di ascolto sui 102.100 MHz per le provincie di Empoli, Pistoia, Lucca, Pisa e Livorno.  (Ruggero Righini).

 

Radio Lady (Empoli) Fm 97.700 MHz, da non confondersi con il network regionale di Firenze con la denominazione Lady Radio, nasce il 1 settembre 1991 in una cantina di via De Amicis 6 a Empoli. La radio suona, parla, informa e tiene compagnia nell’Empolese e  Valdelsa. Trasmette intrattenimento, giochi, rubriche di divulgazione, hit del momento, i grandi classici della canzone italiana e internazionale, informazioni e curiosità con oltre 10 notiziari al giorno, uno ogni ora e sport. Dal settembre 2009 incorpora Radio Sei Sei ed amplia il raggio di ascolto sui 102.100 MHz per le provincie di Empoli, Pistoia, Lucca, Pisa e Livorno.  (Ruggero Righini).

 

RADIO SEI SEI: Fm 102.100 MHz nasce negli anni ’90 in via De Amicis 38 a Empoli per iniziativa di Paolo Lunghi. Si sente nelle province di Empoli, Pistoia, Lucca, Pisa, Livorno, Trasferita a Vinci, nel 2009 viene integrata da  Lady Radio Empoli (Ruggero Righini).

 

RADIO 107

 

RADIO CENTRO TOSCANA: emittente che ha cessato di esistere cedendo le sue frequenze a Gamma Radio

 

 

AREZZO

 

RADIO AREZZO: emittente nata nel 1975, Giovanna Maggini Tenti, via Santa Croce 20, 102 mhz

 

RADIO AREZZO DJ

 

AREZZO RADIO TV: sede in via S.Croce 20, Arezzo. Censita sul numero 46 del marzo 1976 della rivista SUONO STEREO.

 

RADIO ONDA DI PIETRAMALA: corso Italia 205 Arezzo, Massimo Martoloni, attiva dal 1975.

 

RADIO EMME: emittente di Terranuova Bracciolini (Arezzo)

 

RADIO CASENTINO: emittente di Subiano

 

RADIO AREZZO UNO: San Giuliano

 

RADIO TV LIBERA EFFEMERIDI: poche e scarne notizie su questa emittente (non sappiamo se la tv abbia mai operato) la radio trasmetteva fin dal 1975 dai 98,000 mhz da via Porta Buila 10 Arezzo, nei pressi della scuola di musica e canto Gruppo Polifonico Francesco Corradini e la sede delle scuole Medie e Superiori Tecniche.

 

 

RADIO EFFE: nasce il 13 ottobre 1976 a Foiano della Chiana (Arezzo) da un idea di un gruppo di amici. Radio commerciale riceve la concessione n. 903086 dal Ministero delle Comunicazioni. Da subito si evidenzia per le trasmissioni sportive. La domenica trasmette 4 ore di calcio con collegamenti dai campi raccontati da 40 inviati. Tra i primi dj: Linus, Patrizia Giommetti, Massimo Poggioni. Tra i programmi più seguiti: “Dediche a richiesta” “Amici in FM”, “I magnifici quattro” e “Cara radio ti scrivo”.  Oggi è seguita nelle province di Arezzo, Siena, Perugia e Firenze. 5 gli impianti di proprietà che diffondono il segnale.

 

RADIO APERTA: emittente di Arezzo, sede in piazza Signorelli.

 

RADIO EFFE VALDICHIANA: nasce il 13 ottobre 1976 a Forano della Chiana (Arezzo) da un idea di un gruppo di amici, sede S.S. Trinità 2/4. Radio commerciale riceve la concessione n. 903086 dal Ministero delle Comunicazioni. Da subito si evidenzia per le trasmissioni sportive. La domenica trasmette 4 ore di calcio con collegamenti dai campi raccontati da 40 inviati. Tra i primi dj: Linus, Patrizia Giommetti, Massimo Poggioni. Tra i programmi più seguiti: “Dediche a richiesta” “Amici in FM”, “I magnifici quattro” e “Cara radio ti scrivo”.  Oggi è seguita nelle province di Arezzo, Siena, Perugia e Firenze. 5 gli impianti di proprietà che diffondono il segnale. (Ruggero Righini).

 

RADIO EMME

 

RADIO WAVE: Fm 91.50 nasce ad Arezzo nel 1995. Copre le Province di Arezzo, Siena e Grosseto. Si evidenzia da subito per i programmi: “Mappamondo” e Zona franca” e per gli spot trasmessi in rumeno, cingalese, wolof, portoghese, ungherese, inglese, francese, spagnolo mostrando un’attenzione particolare verso il pubblico straniero. Potenzia il proprio raggio di ascolto anche sulle frequenze 98.500 e 106.100 e e da qualsiasi parte del mondo utilizzando un lettore mp3 come winamp Radio Wave Fm 98.5 e 106.1 l’unica emittente radiofonica di Arezzo con sede in via Masaccio 14 nata nel 1995 e passata sul web dall’ottobre 2008 dal febbraio 2009 è diventata International! L’emittente è stata acquistata dalla fondazione Arezzo Wave Italia di Mauro Valenti che ha deciso, oltre al cambio del nome: Radio Wave International, di rinnovare il palinsesto che punta sulla qualità musicale e sull’informazione, dare spazio a nuovi collaboratori e potenziare la tecnologia web per l’ascolto in diretta e on demand di tutta la programmazione. On air le voci storiche: Fabio Mugelli, Stefano Fragai, Dj Rajo & Fidel e la redazione: Matteo Casali, Jonny Baldini, Andrea Raffi, Claudio Gherardini. Entrano i nuovi: Giulio Caperdoni e Ariele (storici dj di Radio Rock FM), Max Bertolaccini (MTV), Wolfango Tedeschi (Bloomberg Television), Nunzia Palombo, Dino Lupelli, la redazione de “Il Vernacoliere”, tanti nuovi collaboratori: Tito Barbini, Francesco Macrì, Cristina Scatragli, Daniele Gelli, il gruppo GAS di Arezzo. Tra le voci anche l’editore Mauro Valenti alla conduzione del nuovo programma “Titanic”. Ben 40 radio fanno parte del network Radio Wave Italia e ogni mese trasmettono una pillola informativa di 15 minuti con notizie e novità dalla fondazione Arezzo Wave Italia, realizzata a cura della redazione di Radio Wave International in collaborazione con l’ufficio stampa della fAWI. Oltre ad una redazione da Livorno, per essere sempre a contatto con la città che ospita il festival Italia Wave, la radio trasmette una “finestra locale” sempre attiva sul territorio comunale e provinciale aretino con la rassegna stampa e magazine che affrontano tematiche di ambito strettamente locale. L’informazione nazionale è realizzata grazie al rapporto con Popolare Network il circuito di radio locali e regionali che ruota attorno a Radio Popolare, emittente milanese caratterizzata fin dalla nascita (1976) per un’informazione libera e indipendente, perché autonoma da entità editoriali e politiche che dal 1992 è collegata in network con altre radio italiane che coprono a macchia di leopardo tutta Italia. Radio Wave International fa parte di Popolare Network per la Toscana assieme a Controradio di Firenze. Si sente sui 98,500 e 106,100 per la città aretina e da qualsiasi parte del mondo utilizzando un lettore mp3 come winamp (Ruggero Righini).

 

RADIO FLASH: emittente di Arezzo nata per iniziativa di Nedo Settimelli, era una piccola radio legata a doppiofilo alla Arezzo Tv. Trasmetteva ad Arezzo sui 103.900 mhz, fra i collaboratori Simone Borselli.

 

RADIO FOXES CORTONA:  emittente nacque il 28 marzo 1978 dalle ceneri della discoteca Foxes Club per iniziativa di un gruppo di amici, la sede era a Camicia di Cortona, in via Zamagna 3, frequenze 95,250 e 99,250 mhz, direttore dei programmi era Domenico Lignani, già nel 1981 aveva una redazione di quattro giornalisti pubblicisti, direttore della testata giornalistica Andrea Launizi, negli anni anni '80 iniziò a trasmettere Jovanotti.Nel 1993 partì AUT AUT, rubrica che affrontava temi di attualità. Ha chiuso i battenti nel nuovo millennio.

 

RADIO INCONTRI VAL DI CHIANA

 

RADIO ITALIA 5 (RADIO 5): trasmette dal 1976 ed è ancora in attività.

 

RADIO LIFE

 

RADIO ONDA BLU: trasmette dalla località Moscatello 75 di Castiglion Fiorentino (Arezzo).

 

RADIO TEVERE MUSICA

 

RADIO TORRE PETRARCA: è stata una delle prime emittente della provincia fra i fondatori Nedo Settimelli

 

RVT RADIO VAL TIBERINA: emittente di San Sepolcro (Arezzo)

 

RADIO ONDA BLU

 

RADIO GAMMA

 

RADIO ZERO INTERNATIONAL: Badia Tedalda

 

RADIO TELE CENTRALE: Montevarchi

 

RADIO ZERO MONTEVARCHI: nasce alla fine del 1979 a  Montevarchi (Arezzo)., irradia i suoi programmi dai 104.750 mhz. Fra i collaboratori c’è  Gianfranco Monti. Nel 1980 entra Davide Sagliocca.

 

RADIO EMME: Terranova Bracciolini.

 

RADIO TOSCANA INTERNATIONAL: Partina Bibbiena

 

RDP RADIO DIFFUSIONE POPPI

 

RADIO ANGHIERI LIBERI

 

RADIO DIFFUSIONE STRADA IN CASENTINO

 

RADIO TELE AMBRA - RTA: località Cennina Ambra Pucine

 

 

GROSSETO

 

RADIO GRIFO RGF 96,5:  FM 102.800 nasce nel febbraio del 1977 in un vecchio granaio di via Del Sarto a Grosseto per mezzo di un gruppo di studenti appassionati di musica rock: Aurelio Delicati, Massimo Brizzi, Bernardino Lauro, Paolo e Massimo Bardi, Giancarlo Potenza, Alessandro Cardelli, Sandro Cacciola, Moretti  Aremundi. Primo brano trasmesso quello di Tommy degli Who. La trasmissioni diffuse con 10 watt di potenza dalla mattina alle 3 di notte. Segnale debole così ben presto i watt di emissione diventano 100 e la radio si fa apprezzare anche per la scelta di non interrompere la programmazione con la pubblicità. Ma i soldi dei fondatori che si sono uniti in coopertiva non bastano e con i tre nuovi soci arrivati: Walter Felice, Franco Cocco, Tiziano Pacifici viene anche la pubblicità. La radio passa al commerciale. Tra i programmi si evidenzia il gioco “Indovina la chupa”. Un nuovo ripetitore di 400 watt porta il segnale dalla città all’intera provincia. A fine 1980 cambia sede e va in via Monterosa 140. Il segnale passa ai 600 watt di uscita. Antenne di trasmissione vengono posizionate su alcune chiese della città e a Roccatederighi e trasmettono su una nuova frequenza: 96.500. Partono le dirette di calcio e di baseball, vengono organizzate feste ed iniziative e l’indice di ascolto aumenta. Nel 1992 tre nuove frequenze sostituiscono quelle esistenti: 96.300 all’Argentario per la zona sud, 96.600 a Zavorrano Monte Calvo per la zona nord, 96.900 a Roselle località Poggino per la città. Nel 1994 adotta il sistema RDS (radio data system) prima nella provincia e cambia nome in RGF 96.5 non solo grandi successi. Oggi si sente in Internet (Ruggero Righini).

 

RADIO GROSSETO: emittente nata il 23 dicembre 1975, fu la prima emittente della provincia, sede via delle Arselle 1 a Principina a Mare (poi Piazza Dante 1), irradiava i suoi programmi dai 101,750 e 101,450 mhz, presidente del consiglio di amministrazione Vinicio Glori.

 

RADIO MAREMMA LIBERA: emittente di Grosseto, prima sede presso Pierini via dell'Unione 4 Circolo Ottobre, Grosseto, successivamente sede in via Labriola 8, Mhz 104,500. Censita sul numero 46 del marzo 1976 della rivista SUONO STEREO.

 

RADIO MAREMMA TOSCANA -  RMT: Fm 100 nasce in una stalla della fattoria Grancia a Grosseto nel 1976 per mezzo di Giuliano Andreini, sua moglie Madera ed i figli Daniele e Luca, tutti accaniti radioamatori. Tra i primi a trasmettere oltre ai componenti della famiglia Andreini ci sono Moreno col programma “A ruota libera”, Graziano Porca che legge “I numeri del lotto” e Alessandro De Gerardis (oggi a Rai 3) compagno di banco di Luca (al  secondo anno del Liceo Scientifico) che lo invita a provare. Alessandro ricorda: “Non fu una semplice prova, alle 17 di mercoledì 28 luglio 1976 la mia voce incomincio’ a viaggiare nell’etere e da quel momento non ha conosciuto soste. Ricordo bene quel caldo pomeriggio, poco dopo le 14 andai a piedi da Via Podgora, dove abitavo, fino in Via Molise 1, dove abitava Luca, e da li’ partimmo con la Fiat 850 nera del padre Giuliano, caratterizzata da un’antennona del CB sul tetto, erano infatti radioamatori accaniti in famiglia, compresi la madre di Luca, Madera, e il fratello Daniele. Arrivammo nella fattoria di Grancia, dove aveva sede l’emittente, in una ex stalla, in mezzo alla rigogliosa campagna maremmana, a pochi passi dal fiume Ombrone. Erano le 15, ora di inizio delle trasmissioni in quel periodo, assistetti alle prime due ore di trasmissione, condotte proprio da Giuliano e Luca, e verso le 17 mi sentii pronto per iniziare, mi preparai una ventina di dischi e scelsi “Gimme some” di Jimmy Bo Horne come sigla. Durante la mia prima ora di trasmissione andarono in onda canzoni come “Music” di John Miles, “Fly Robin, fly delle Silver Convention, “Canzone d’amore” delle Orme, “Sei bellissima” di Loredana Berte’, “We can’t hide it anymore” di Larry Santos, “Nights of september” di Edward Cliff, "All by myself" di Eric Carmen e altri indimenticabili capolavori. Rimasi stregato dal fascino della radio, dalle telefonate degli ascoltatori che si complimentavano e mi incoraggiavano a continuare. E infatti continuai… e non ho ancora finito. L’estate 1976 mi vide presente ogni mercoledì alle 17 in onda, partendo sempre dallo stesso ritrovo di Via Molise 1 con l’850 nera e poi con la nuova Ford Fiesta azzurra acquistata da Giuliano che passo’ la 850 al figlio maggiore Daniele. L’estate termino’ e iniziai il terzo anno di Liceo Scientifico, la sede della scuola fu momentaneamente spostata in Via Pietro Micca e poi definitivamente nella cittadella scolastica in Via De’ Barberi, il mercoledi’ non potevo piu’ andare a RMT e il mio spazio fu spostato alla domenica pomeriggio, le ore di trasmissione aumentarono, ero oberato di studio, facevo ancora la spola con Roma per le lezioni di musica, ma la radio era ormai irrinunciabile per me. E il tempo libero? Cos’era il tempo libero? Nell'ottobre 1977 stava avendo sempre piu' successo Radio Grosseto International, altra emittente maremmana e colsi l'occasione per cambiare radio, incominciai a interessarmi a quella che stava diventando un'emittente importante e molto ascoltata. A partire dal 16 ottobre iniziai a trasmettere dai microfoni di Radio Grosseto International con "Studio 1 Domenica". La radio chiude nel giro di poco (Ruggero Righini).  

 

RADIO GROSSETO INTERNATIONAL:Fm 101, 101.500 e 97.100 Mhz nasce nel 1975 in via Adamello a Grosseto come prima radio libera del capoluogo.   Dopo una fase sperimentale si trasferisce nella sede di Piazza Dante 11. Dal 1976 alla fine degli anni ‘80 attraversa un periodo di notevole successo. Alfio Cavoli dirige i servizi giornalistici (fino alla metà degli anni 80). Ci collaborano: Luca Bernardini, Antonio Ferrari (notiziari), Mariarosa Barba, Paolo Portogallo, Rita Cacciabovi, Graziano Caturelli, Massimo e Roberta Cianchi, Cecilia Nannini, Paolo e Carlo Frosini, Alessandro De Gerardis (oggi a Rai 3), Carlo Mazzolai ed i tecnici: Carlo Perretta, Luca Magini, Gilberto Ferrari, i fratelli Parmeggiani e Fabio Mellini. La radio si diffonde capillarmente perchè viene rilanciata in gran parte della regione per mezzo di Tele Maremma 55. Tra i programmi si evidenzia quello di Alessandro De Gerardis che ricorda: “Nell'ottobre 1977 stava avendo sempre piu' successo Radio Grosseto International, altra emittente maremmana e colsi l'occasione per cambiare radio, incominciai a interessarmi a quella che stava diventando un'emittente importante e molto ascoltata. A partire dal 16 ottobre iniziai a trasmettere dai microfoni di Radio Grosseto International con "Studio 1 Domenica". Riscuote successo anche il programma di Danilo Doldo, conduttore dai primi anni ’80 fino al 1987 della fortunata trasmissione “La pattumiera”, una hit parade alla rovescia con le canzoni più brutte della settimana arricchita dai personaggi Sudicik, Monnezzino, Bidonella, Nonno Zozzori e Zio Catarrania impersonati dal poliedrico Alessandro De Gerardis. Nell’estate 1978 lo stesso speaker conduce, unitamente a Riccardo Trento, “Radio Bomba”, un programma umoristico improvvisato, divertentissimo, caratterizzato da un ritmo serrato, sullo stile di Radio Montecarlo che propone ogni sera 31 brani musicali, anche underground, sia di produzione straniera sia italiana.  Responsabile e principale conduttore della trasmissione è Tullio Grazzini mentre le scelte musicali sono di Tonino Ruscitto e Massimo Lazzari. Nell’aprile 1990 l’emittente è all’apice del successo ed apre una seconda rete: Radio Grosseto Canale 2 Fm 102.100. Chiude nel corso di un decennio (Ruggero Righini).

 

RADIO GROSSETO 2: seconda rete di Radio Grosseto International.

 

RADIO TOSCANA SUD: Sant'Antelo in Colle paese fra le colline del Brunello di Montalcino, nasce alla fine degli anni '70. L'emittente si evidenzia per la trasmissione Un gettone perso nella notte  condotta da Adolfo vertente sulle dediche d'amore con i personaggi più strani e inconsueti che telefonano dalle cabine telefoniche e per l'organizzazione del "Cigliano Rock" che ha scopo di far salire sul palco gruppi ancora poco conosciuti. Nel 1984 si associa a Tirradio. (Ruggero Righini).

 

RADIO MAREMMA ARGENTARIO: Porto Ercole.

 

RADIO BRIGANTE TIBURZI: nasce in via Mazzini 43 a Grosseto nel 1976 come prima radio libera dell'estrema sinistra titolata al celeberrimo ultimo brigante maremmano dell'ottocento Domenico Tiburzi. Vive per la passione dei propri collaboratori ed irradia una programmazione controcorrente. Attiva fino agli anni '80 poi chiude sciacciata dalla legge del più forte. (Ruggero Righini).

 

RADIO BARBARELLA CITY: emittente di Grosseto affiliata al Circuito Radio Luna

 

RADIO LIBERA MANCIANO TOSCANA SUD

 

RADIO ORBETELLO

 

RADIO LUNA FLASH

 

RADIO ELLE: Rapolano Terme

 

RADIO TNA: Piancastagniaio

 

RADIO CASTELLO: Capalbio

 

RADIO ITALIA ANNI 60

 

RADIO MONTE ARGENTARIO: mhz 99,500

 

RADIO DIFFUSIONE FOLLONICA Fm 93 nasce con prove tecniche il 2 e regolarmente il 19 settembre 1977 in un palazzone di 11 piani in via Dante a Follonica (Grosseto), nell'ex centrale Ilva. L’idea è di due studenti: Biagio Russo e Giorgio Ghini che con altri amici costituiscono una cooperativa dal nome “L’informazione Democratica”. Trasmette con un autocostruito da 100 watt inizialmente dalle 8 alle 19 programmazione varia: la mattina un contenitore che comprende musica, oroscopo, almanacco, notizie flash, meteo e il notiziario in dialetto condotto da Alfeo Chirici corrispondente del quotidiano “il Tirreno”;nel pomeriggio programmi dedica, specializzati di musica a tema, giochi e anche poesia e prosa. Nel 1979 cambio di sede in  una palazzina che era stata centrale elettrica nella zona ex Ilva. 2 studi di trasmissione, un terzo per le registrazioni. Ora trasmette 24 su 24 in stereofonia ed amplia il raggio d’ascolto con un nuovo ponte radio sul monte Calvo a Zavorrano. Cambiano anche le frequenze: 92,50mhz e quella del ponte radio 94,60. Entrano tra gli altri: Roberta Gentilini purtroppo poi scomparsa, Mario Mainetto, Paolo Agostini, Roberto Gacci, Monica Nesi, Liliana Marrini, Laura Bencini, Luca Bani. La radio è tra le più seguite del comprensorio. Nel 1996 l’Escopost la chiude per un mese per problemi inerente la legge Mammì. Alla riapertura continua solo con selezioni musicali, notiziario e pubblicità per limitare le spese. Ma l’idea non funziona e l’ascolto si abbassa  come anche la pubblicità. Nel 1998 è costretta a  chiudere e a vendere le frequenze “con un grosso nodo in gola, come quando ad un bambino togli il giocattolo più bello”.   (Ruggero Righini).

 

RADIO ONDA AZZURRA emittente di  Follonica (Grosseto) nacque nel 1979 per iniziativa di Stefano Fedeli, Emi Pacenti, Leonardo Agostinelli, Alessandro Riparbelli, Simonetta Riparbelli, fuoriusciti da Radio Diffusione Follonica. Radio Onda Azzurra aveva sede n una palazzina nel centro di Follonica, messa a disposizione dal padre di uno dei soci fondatori e trasmetteva con un apparato INDELT da 100 Wat sulla frequenza 91.600 per la zona di Follonica e con un ripetitore a Massa Marittima attrezzato con auto costruito da 300 Wat sui 101.700. non badammo a spese per quanto riguarda la dotazione delle apparecchiature, per fare qualche nome, registratore a bobina Technics con autoreverse, micro e cuffie Sennheiser, piatti Technics con stroboscopio a partenza immediata, mixer auto costruito con 15 canali, 5 piastre per cassette (Sony, Technics, Akay), inoltre in fase di adeguamento dell’appartamento, furono creati ambienti ad hoc per quella che doveva essere la massima funzionalità degli ambienti, con due sale di regia, di cui una con una sala di trasmissione ed una sala che fungeva sia da archivio per i dischi che da segreteria. Tra le trasmissioni “storiche” della radio voglio ricordare con piacere quella mitica del sabato sera “TUTTO L’HOCKEY MINUTO PER MINUTO” (essendo Follonica Hockey City) con collegamenti ed aggiornamenti in diretta da tutti i campi del Campionato della massima serie effettuato grazie ad un accordo di collaborazione che stipulammo con tutte le radio delle città che avevano squadre che partecipavano al Campionato di Serie A1 di Hockey. La trasmissione più in voga era LE DEDICHE IN DIRETTA con il centralino che impazziva. Visitarono gli studi dell'emittente e parlarono dai suoi microfoni: gli Homo Sapiens, il celebre flautista Cesare Bindi,

Enrico Beruschi, Riccardo Fogli e Viola Valentino, l’allora vice presidente del Consiglio Superiore della Magistratura Zilletti ed altri. Gli mpegni lavorativi dei cinque fondatori, la nascita delle prime tv locali importanti (Italia1 in primis ricorda Fedeli) e quindi anche una riduzione degli introiti pubblicitari decretarono la chiusura dell'emittente nel 1982. A nulla servì l'affiliazione al Circuito Radio Luna poichè, come ha ricordato il fondatore "una volta partiti con la nuova emittente, decidemmo, di aderire al circuito affiancando il nome a quello nostro e diventando quindi RADIO LUNA ONDA AZZURRA, cosa che comportò un notevole impegno, dovuto sia all’acquisto dello sfruttamento del marchio, sia a quello del materiale che consisteva in un numero imprecisato di bobine (non ho mai capito quante fossero in realtà, mi ricordo di 3 o 4 scatoloni che erano sempre o in viaggio o di scorta) di programmi preregistrati. Tali programmi, condotti dai vari Foxy John, Federico l’Olandese Volante, Cristiana, Francesco Acampora venivano utilizzati non come palinsesto completo della giornata, ma come una sorta di riempimento degli spazi liberi diventando quasi un “lusso” , come riscontro, non arrivò tutta quella pubblicità che in fase di accordo sembrava fosse garantita. Infatti dopo un certo periodo ritenemmo opportuno abbandonare il circuito che molto probabilmente non sfruttammo per il potenziale che rappresentava in quel momento, ma purtroppo, la realtà follonichese preferiva programmi diversi con voci magari meno professionali ma locali .

 

 

LIVORNO

 

RADIO LIBERA LIVORNO: emittente fondata da Paolo Romani, sede via Funaioli 25 Livorno, attiva fin dall'estate 1975 (ripetitore ubicato al Castellaccio in una villetta posta a pochi metri dal ristorante “La Vetta” e dalle antenne di altri ponti radio come emanazione di TVL (Telelivorno) che ha invece gli studi in via dei Funaioli 25. Irradia i suoi programmi dai 102,000 mhz con 20 watt di trasmissione, il segnale giunge chiaro fino a Genova. Fra gli altri pionieri Marco Taradash, Nino Pirito e Maurizio Venturini. Trasmettendo dal Monte Serra muta il significato della “L” della sigla da “Livorno” a “Libera”. Il nome ufficiale della testata giornalistica, registrata regolarmente in Tribunale con Nino Pirito come direttore responsabile, è quindi TVL Radiotelevisione Libera. Impiega un trasmettitore da 50 watt realizzato modificando uno dei famosi Collins ex U.S. Army che hanno fatto la storia della radiofonia FM in Italia. La ricezione, grazie a un’antenna direttiva Yagi a 5 elementi puntata verso nord, nei primi tempi è ottimale fino a oltre La Spezia. Due piatti Lenco 75, una piastra a cassette TEAC e un Revox A700, più un microfono dinamico Sennheiser, collegati a un mixer LEM a 8 canali, queste le apparecchiature di “bassa frequenza”. Nel 1976, anche in seguito alle minacce di sfratto per morosità, Radio Libera si trasferisce sul viale Italia, dove TVL ha preso in affitto un appartamento al numero 191/a, accanto alla pizzeria Pulcinella. Ruggero Righini ci ha segnalato l'emittente per la "musica ribelle mai ascoltata e per una serie di trasmissioni di Don Prithard che portò una serie di programmi del DISCO AMERICANO". Subito sequestrata, il direttore Paolo Romani sarà difeso dall'avvocato Eugenio Porta. Lo studio radiofonico viene installato nell’ultima stanza a destra, in fondo al corridoio, dove si sente meno il rumore del traffico. Al Castellaccio resta il ripetitore, che continua a trasmettere sui 102 MHz il segnale che viene ricevuto da Livorno, dove è stato installato un trasmettitore funzionante sui 104,7 MHz. Tra la fine del 1976 e i primi mesi del 1977 la radio, dietro insistenza della concessionaria di pubblicità, che preferisce un nome più “tranquillo”, cambia denominazione in Radio Elle 102, ma la cosa durò poco perché molti dei collaboratori sono di sinistra e a Roma, esiste una Radio Elle vicina agli ambienti del Movimento Sociale. Viene quindi deciso di cambiare nuovamente nome. Ed è scelto quello di Radio Blu, la frequenza intanto è spostata su 104,700 mhz per la zona di Livorno.  Nel frattempo, problemi economici sempre più gravi, continue interferenze di altre emittenti sui canali usati da TVL, l’impossibilità di usare il ripetitore del Castellaccio perché è stata staccata la corrente, e funzionante solo sui 104,7. TVL cessa le trasmissioni alla fine del maggio 1977. La radio resiste qualche altra settimana, poi chiude i battenti ad inizio estate 1977 (Ruggero Righini)

 

RADIO ROSA

 

RADIO LIVORNO POPOLARE: nasce nella primavera 1977 per iniziativa di alcuni militanti di Lotta Continua: Walter Passelli, Paolo Monti e Paolo Vallini. Trasmette dalla soffitta del palazzo di Piazza Cavour 25 (in cui ci sono anche la sede della Dc e di Tele Granducato). Irradia con un trasmettitore residuato della guerra di Corea, contrabbandato da Camp Darby (che quindi ha fornito strumenti alla sinistra). Il segnale arriva in periferia solo se il tempo è adatto. Ci sono un microscopico mixerino, due piatti e una piastra. La linea iniziale sostenuta è quella di dare spazio a quante più voci ci siano, anche contrastanti tra loro. Si va dai protoautonomardi ai cristiani per il socialismo. La radio si becca una denuncia per aver trasmesso "Quella notte davanti alla Bussola", per i versi "Come son belli i carabinieri, quando picchiano con le manette, i compagni studenti medi dai 14 ai 17". Nel periodo del movimento studentesco trasmette su occupazioni, assemblee e cortei ed un notiziario quotidiano per gli studenti. I mezzi però sono pessimi e le registrazioni quasi inascoltabili tanto che il notiziario da quotidiano diventa settimanale, mensile e poi un programma musicale. A metà dicembre la radio trasmette due nuovi programmi il giovedì sera in contemporanea con l'assemblea di redazione (che quindi non li ascolta e per mesi non si accorge di niente): Lo "Spazio frocio" dalle 21 alle 22, poi dalle 22 alle 24 "Postulato sconcertante"un programma di musica, poesia e perversità sessuale con Francesco Lauri e Paolo Proietti. Vive una breve stagione fino al 1980 (Ruggero Righini)

 

RADIO ELBA: via del Falcone 1, Portoferraio, fondata da Andrea Palermo che ricorda: avrebbe dovuto diventare l'emittente ufficiale dell'isola, ma dopo tante promesse da parte del Comune e dopo averci speso parecchi soldi, l'ho trasferita su Livorno per mandarla in onda a reti unificate con Radio Flash.

 

 

RADIO CITY: nasce a Livorno sulla fine del 1976 per iniziativa di un gruppo di amici ex-CB tra i quali Giorgio Esperti, Alessandro Tramagli e Claudio Broggi. Trasmette dall’ex Hotel Corallo di Livorno. Gli studi sono ridotti all’essenziale: una stanza con una consolle audio e, accanto, un altro piccolo locale dove si trovano i dischi. L'esperimento dura pochi mesi. L'emittente non va oltre la realizzazione di alcune cassette audio che vengono poi ascoltate nelle autoradio delle macchine parcheggiate all’Attias, per dare l’impressione di essere sintonizzate su una radio “vera”. Giorgio Esperti entra poi a far parte della Radio Flash srl, successivamente, mentre nel 1979 viene accesa Radio City One (Ruggero Righini).

Sulle origini dell'emittente ci ha scritto Alessandro Tramagli: Radio City nasce a Livorno sulla fine del 1976 per iniziativa di un gruppo di amici ex-CB tra i quali Giorgio Esperti (Follia), Alessandro Tramagli (Mesa) e Claudio Broggi (Ottovolante). Radio Flash Trasmette da Livorno, dal sesto piano di Via Piave 6 dalla soffitta privata della casa di famiglia di Claudio Broggi, il quale, perito elettrotecnico, era genialmente riuscito a trasformare un vecchio trasmettitore FM da carro armato americano (bc104), acquistato dal Montagnani in Piazza xx settembre, in un potente trasmettitore FM sostituendo una valvola con una molto più grande per aumentarne la potenza... Le prove tecniche di trasmissione avvenivano con il Broggi in casa a smanettare e raffreddare con il ventilatore la grande valvola, che poi prese regolarmente fuoco con una fumata nera nera spinta dal ventilatore per il raffreddamento, che invase i cieli di Livorno facendo accorrere i pompieri, mentre il Tramagli e l’Esperti (unico che aveva la patente) giravano la città con una vecchia Dyane 6 verde, per capire la copertura del segnale radio. E’ parzialmente vera la notizia delle cassette radio ascoltate nelle macchine all’Attias, storico luogo di ritrovo dei giovani livornesi, ma le cassette altro non erano che le registrazioni dei migliori programmi trasmessi da ognuno di noi durante la giornata a radio City. La breve vita di Radio City cessò dopo poco, poiché altri giovanotti di belle speranze si affiancarono al Tramagli al Broggi e all’Esperti, per dare vita tutti insieme ad una radio un po' più seria anche se i mezzi a disposizione erano davvero esigui. Infatti, dopo poco nacque Radio Flash srl, regolarmente costituita come testata giornalistica N°1 in Italia, dal notaio Calabrese (madre dell’Esperti) con lire 50.000 di capitale interamente versato (10.000 a testa+ le spese) e come direttore responsabile fu reperito dal Tramagli il Dr Giamberto Baldi, giornalista del Tirreno, marito dell’estetista (Anastasia) della mamma del Tramagli e i soci fondatori erano i seguenti: Tramagli,Esperti,Broggi,Brachini,Palermo e Sisi Marco, quest’ultimo, ispiratore della radio nonché ideatore del logo di Radio Flash (la macchina fotografica che scatta il flash) che lavorava come dipendente in regia a Radio Libera Livorno di proprietà dell’ex Ministro delle Comunicazioni nel governo Berlusconi, Paolo Romani e Marco Taradash che poi in seguito divenne Radio Blu con sede in Livorno nel Viale Italia di fronte alla terrazza Mascagni. La sede originaria di Radio Flash fu istallata al 6° piano di Piazza Attias, una piccola stanzetta 4x4. Il piccolo mixer beenson bianco a valvole (da chitarra) il giradischi Europhon, il mangiacassette Sony, il microfono Geloso e tutti i dischi dei primi giorni erano stati portati in dote alla radio dal Tramagli appena sedicenne, e così partirono le prime trasmissioni di cui ancora esistono alcune cassette audio. Il Tramagli, invitò in radio l’amico del pockerino del venerdì, Massimo Magrini (Max) il quale in poco tempo, con la sua splendida voce calda e pastosa, e la sua totale dedizione, divenne presto il primo speeker della Radio. Dopo pochi mesi arrivò in studio un certo Stefano Martini, un diciottenne un pò robusto con i baffetti anni trenta, di formazione DJ allievo del Riccardo Cioni, il quale, mi chiese con una certa insistenza, di fare la prova di trasmissione di un programma di Sound Music nell’ora pomeridiana. Gli dissi subito di venire e provare, poiché tutti volevano andare al mare d’estate e il programma del primo pomeriggio nessuno lo voleva fare. Stefano Martini arrivò puntuale in studio portandosi appresso un grande baule pieno di dischi; inizio il suo programma con una voce alta,strana,gutturale e artefatta che mi lasciò davvero perplesso... Non avevo davvero capito che sarebbe diventato presto Steve Martin una star... Anche i primi contratti pubblicitari arrivarono presto poiché un amico del fratello del Tramagli, Mario Gerbi,grafico pubblicitario con studio in via Marradi 33 a pochi metri dalla sede della Radio, iniziò a collaborare per amicizia e a titolo totalmente gratuito per il lancio della radio. Il primo contratto pubblicitario lo raccolse il Tramagli su segnalazione dell’amico Gerbi, una gioielleria al momento appena aperta, che fu letteralmente presa d’assalto, quando Massimo Magrini in arte Max, nell’ora di picco dove i giovani Livornesi erano tutti al mare con la radio sintonizzata su radio Flash, lanciò il primo quiz radiofonico la cui soluzione era nascosta proprio nella vetrina della nuova gioielleria. Da li a poco la vetrina della gioielleria fu meta continua di centinaia di giovani che cercavano la soluzione del quiz nella interpretazione delle bandierine di Giovepluvio esposte. Fu talmente un travolgente successo,quanto inaspettato, che i negozianti da li in avanti facevano a gara a sponsorizzare i quiz di Radio Flash. Tramagli,Broggi e Esperti lasciarono presto la radio per incompatibilità con alcuni dei soci fondatori i quali tuttavia, la fecero egregiamente crescere e prosperare fino alla data della sua chiusura avvenuta dopo vari passaggi di proprietà.

 

RADIO TRAMPS: nasce nel 1977 a Livorno per mezzo di un gruppo di amici composto da Tommy, Claudio Mannari, Piero Virgili, Andrea Giannetti, Flavio Pacchini, Max Caturelli. Nel 1979 sulle sue ceneri nasce Radio City One (Ruggero Righini).

RADIO CITY ONE: Fm 92.300 MHz nasce nel 1979 in Via Badaloni, presso il Circolo Endas a Livorno per iniziativa degli ex di Radio Tramps: Tommy, Claudio Mannari, Piero Virgili, Andrea Giannetti, Flavio Pacchini, Max Caturelli, e altri. La sede è praticamente una stanza con un trasmettitore di 50 watt e un’antenna gran plein per baracchino posta sul terrazzo di uno dei soci ovvero Andrea Giannetti. Dopo alcuni mesi la radio si trasferisce in Via Solferino nel quartiere San Marco (fino al 1982). Entra a far parte per breve periodo con il Circuito Radio Luna (dopo che l'emittente aveva sciolto il contratto con Radio Flash) e diventa Radio Luna One. L’antenna di emissione (una collineare con 4 elementi) viene posta sopra il palazzo e da li copre praticamente tutta la città di Livorno. Nel 1981 viene installato il ripetitore sul Castellaccio e il bacino di utenza si allarga parecchio. Oltre a coprire bene la città di Livorno sui 97.7 arriva a coprire Pisa, Viareggio con tutta la Versilia ed oltre fino in Liguria (soprattutto dai paesi più alti dalla Cisa fino a Genova alta) e da quelli dell’Emilia Romagna. La radio va forte tanto che acquisce alcuni speaker di Radio Rosa: Stefano Lucarelli, Raffaele, Alessandra Diella, Gianni Ferrini, Susanna Pucci. Nel 1982 scioglie la collaborazione con Radio Luna e in fase di ristrutturazione si trasferisce in un palazzo al piano terra di Via Donnini (alle Sorgenti) cambiando il nome in Radio Studio 82. Nel 1984 la radio chiude e le sue frequenze sono vendute a Radio Flash (Ruggero Righini).  

RADIO MAROCCONE: emittente della discoteca omonima “Il Maroccone” di Livorno che avrebbe dovuto trasmettere dal locale ma che trasmise soltanto prove tecniche nella seconda metà degli anni '70 quando circolarono gli adesivi di forma ellittica, sfondo nero e stampa rosa-verde, col nome della radio, la frequenza di 101 MHz e un circoletto con le foto dei DJ “Snoopy”, “Charly Sanguemisto” e “Girardengo” (Ruggero Righini).

RADIO JUKE BOX: è un'emittente di Livorno forse poco più che un esperimento, che nel corso della seconda metà degli anni '70 irradia nell'’etere cittadino con dei nastri ‘non-stop’ che ne annunciano le imminenti trasmissioni mai decollate (Ruggero Righini).

COSMO RADIO: nasce nel luglio 1979 nel forte inglese di Portoferraio all’Isola d’Elba (Livorno). Si pone come strumento di confronto politico nella comunità. Trasmette due edizioni del giornale radio, notizie flash ogni ora, la rassegna stampa del mattino “zoom”,  approfondimenti, la trasmissione "senza rete " nel corso della quale il Sindaco conversa in diretta con i cittadini sui problemi della città. Spazi autonomi sono autogestiti dai sindacati, dalle categorie economiche e dalle forze politiche. Si evidenzia per il grande spazio concesso alla musica internazionale ed è la prima nella regione a trasmettere in prevalenza musica italiana (seguita anni dopo da Radio Cuore). Chiude nella prima metà del nuovo millennio (Ruggero Righini).

RADIO ROSA: nasce nel 1977 in una caratteristica soffitta in Via Marradi a Livorno. Nel 1981 viene ceduta dai fondatori ad altra società, dove è presente il DJ Steve Martin. La scarsezza dei mezzi economici ed un furto di apparecchiature negli studi ne decreta la fine lo stesso anno(Ruggero Righini).

STUDIO 82: emittente nata nel 1981 dalla ceneri di Radio Rosa di Radio City One, fra i collaboratori Vento Selvaggio, successivamente, a seguito di una cambio di proprietà assumerà la denominazione di Radio Fragola.

 

RADIO FLASH: emittente di Livorno viene fondata nella primavera del 1977 da Massimo Brachini, Andrea Palermo e Marco Sisi, già collaboratori di TVL e Vento Selvaggio.  Il primo trasmettitore è una microspia posta in casa del Sisi, in via Goito, collegato all'antenna cb (una Sturduster a 7 piani d'altezza).  La prima canzone trasmessa è L'immenso di Amedeo Minghi. Dal maggio 1977 trasmette dal grattacielo dell’Attias, 37, il più alto di Livorno dopo il grattacielo di piazza Matteotti). Nel’estate 1978 entra a par parte del Circuito Radio Luna e diventa Radio Luna Flash  ma per pochi mesi perché in autunno torna a chiamarsi con il vecchio nome. Nel 1982 cambia di proprietà, subentrano soci di RTL Livorno la tv di Stagno collegata al PCI. Negli anni a seguire viene ceduta alla Coop, poi all’imprenditore Lampredi ed infine all’armatore Onorato che da emittente locale di informazione e di intrattenimento la trasforma in una All Music Radio ma la vendita delle frequenze 98.9 MHz sul Monte Serra e soprattutto dei 97. MHz del Monte Capanne che assicura un ascolto ottimale fino alle porte di Roma sono le avvisaglie della cessione del nome e dell’unica frequenza rimasta dei 97.1 MGz al circuito Zai.net.  Marco Sisi ricorda: "Prove tecniche a parte l'emittente nasce ufficialmente nella primavera del 1977, in origine è una Sdf. All’epoca la registrazione in Camera di Commercio costava 150 lire; ci presentammo in tre, i soci fondatori: quando fu il momento di pagare ci “frugammo” e tirammo fuori, una a testa, tre monetine da 50 lire. Quindi si trasforma in Srl in data 17 maggio 1977. Anche per la “nostra” emittente valeva il principio dell’economicità. Il maggiore investimento fu rappresentato dalla scelta della sede. Fortunosamente riuscimmo a sapere che all’ultimo piano del Grattacielo dell’Attias si era liberata una stanzetta, uso ufficio. Avere la possibilità di piazzarsi in cima al secondo edificio residenziale, per altezza, della città, era il massimo. A parte la microspia, iniziammo con un trasmettitore a transistor, 50 watt di potenza, assemblato da noi. L’eccitatore era stato acquistato da una ditta di Portula (Vercelli), la LRR. Il finale invece veniva da San Romano (Pisa). Per dare all’apparato un aspetto professionale mi ricordo che comprai una bella scatola azzurra con le maniglie, che faceva tanto broadcast, e ci misi sul frontale un bell’interruttore e un voltmetro, oltre al bocchettone d’antenna SO239 che alimentava, tramite una trentina di metri di cavo RG8, una ground-plane da CB opportunamente tagliata per risuonare su 1/4 d’onda. Sul sito di Steve Martin c’è una foto scattata proprio nella stanzetta che ospitò la prima sede di Radio Flash. Da notare il mixer audio, a manopole rotanti e non a cursori. Steve si sta appoggiando a una piastra a cassette, usata prevalentemente per le sigle e le pubblicità (sul muro c’era un raccoglitore dove le stesse venivano conservate). Due piatti giradischi, che ogni tanto cambiavano perché richiesti dai proprietari, un microfono dinamico RCF, una radio multibanda e una cuffia completavano l’attrezzatura di bassa frequenza. Radio Flash iniziò a trasmettere sui 99,2 MHz, in seguito attivò un ripetitore dal Castellaccio funzionante sui 97 MHz. Tali frequenze restarono attive fino al 1983, quando la nuova proprietà mise in funzione due ripetitori sul Monte Serra (98,9 Mhz) e sul Monte Capanne (97,7), più il secondo canale “tutta musica”: Radio Flash 2, erede di Gamma Radio, che dai 98 MHz si spostò sui 97,1 (sempre con ripetitore sul Serra). Alla fine fu questa l’unica lunghezza d’onda sulla quale si poteva ascoltare Radio Flash, prima della vendita al circuito Zainet. Gamma Radio rappresentò un tentativo di diversificare l’offerta nei confronti del pubblico. Dal 1978 Radio Flash era diventata Radio Luna Flash, per essere entrata nel circuito nazionale reso famoso dai programmi notturni di Ilona Staller. In contemporanea avevamo deciso di collegarci al circuito di Gamma Radio. Avere due distinte emittenti, con programmazioni specifiche, permetteva di avere maggiore libertà nella ricerca della pubblicità, ma anche la possibilità di seguire in diretta, la domenica sera, entrambe le squadre di basket. La Pallacanestro Livorno andava in onda su Radio Flash, la Libertas su Gamma Radio. Le dirette delle partite del Livorno Calcio e, quando c’erano, dei principali rally che si svolgevano sul territorio livornese (Coppa Liburna e Rally dell’Elba) completavano l’opera. Non c’erano i cellulari, allora. Per trasmettere da uno stadio o da un palasport usavamo il telefono. Un gruppo di emittenti consorziate aveva fatto installare un apparecchio in quasi ognuno degli impianti sportivi, per il resto “ci si arrangiava” con fantasia e creatività. Mi ricordo una diretta da Imola per un incontro di basket. Al palasport, rivelatosi essere la palestra della parrocchia, non c’era telefono. Ci salvammo usando un trasmettitore FM, il mitico Akron da 10 watt con sintonia a Contraves. Massimo Brachini si sedette in tribuna, piazzò l’apparato (dotato di antenna a stilo e alimentato da una batteria per auto), trovò una frequenza libera e collegò il microfono. Io avevo una radiolina a transistor, mi sintonizzai sul suo segnale e quindi, nel bar di un circolo ricreativo vicino alla palestra, collegai un filo (con un jack per auricolare da una parte e due “coccodrilli” dall’altra) alla presa per la cuffia e ai morsetti della cornetta del telefono del bar. Una chiamata dallo studio pochi minuti prima della partita e tutto andò liscio come l’olio…. Nel 1977/78 arrivò Riccardo Cioni a collaborare con Radio Flash, col ruolo di direttore artistico. Non trasmise dal microfono neanche per un secondo, in compenso la presenza di sua moglie e di tutti gli allievi dee-jay era sempre più preponderante. Andò a finire che rompemmo il contratto, Cioni & co. non gradirono e ne successero di tutti i colori. Mi ricordo la manifestazione del gruppo al completo, con tanto di signora Cioni col bimbo in braccio, in piazza Attias davanti alla radio… Alla fine Radio Flash proseguì senza di loro, ma eravamo in pochi e c’era l’esigenza di riempire tutte le ore del palinsesto. Si avvicinava l’estate, stagione importantissima per le radio. Proposi di contattare Radio Luna, un nascente network radiofonico che aveva fatto molto parlare di sé grazie ai programmi condotti da una giovane ungherese, tale Ilona Staller. Io e Massimo Brachini partimmo per Roma, dove fu siglato l’accordo con Sergio Talia, amministratore di Radio Luna. Usando un sistema che, in seguito, sarebbe stato impiegato anche da Canale 5, Italia 1 e Rete4, il network Radio Luna funzionava con l’invio tramite ferrovia di scatoloni di nastri Revox 1/4″ contenenti programmi registrati: un’ora al giorno di Foxy John, Francesco Acampora, Maria Clelia Bendandi e Federica, più la Luna Top 30 di Sergio Mancinelli, la musica brasiliana di Sergio Brasil e i programmi di Cicciolina/Ilona Staller. Se altre radio del circuito usavano queste trasmissioni come programmi di punta del palinsesto (ad esempio Radio Luna Pisa), noi preferivamo impiegarle come riempitivo, nelle ore di massimo ascolto tenevamo i nostre dee-jay. Anche il nome della radio, per noi, era troppo importante, e fu così che invece di Radio Luna Livorno preferimmo usare Radio Luna Flash. Anche gli adesivi contenevano gli elementi grafici del vecchio marco abbinati al logo di Radio Luna. Sapevamo che il matrimonio col network romano era di convenienza e che non sarebbe durato in eterno, anche perché Talia aveva promesso un minimo garantito di introiti pubblicitari che, in realtà, non ci venne mai corrisposto. Dopo poco più di un anno, quindi, ci fu una abbondantemente prevista “eclissi di luna” e la radio riprese la sua denominazione originale". Negli anni diventa la radio cittadina più famosa e dalla storia più lunga. Capitola ai primi del nuovo millennio di fronte alla forza dei network. (Ruggero Righini).

 

RADIO FRAGOLA: altra emittente di Livorno, nata negli anni '80 dalle ceneri di Radio Studio 82, sede via degli Arrotini 90 nella zona industriale di Porta a Terra, a Livorno.Accoglie l’esperienza di alcuni dei decani della radiofonia locale, imponendosi negli anni ’90 per le cronache sportive e la programmazione ‘Hit Radio’. E’ l’ultima radio livornese a capitolare ai network, a cui ha ceduto nel corso del nuovo millennio le proprie frequenze

RADIO BIT: nasce nei locali della sezione del Pci sugli scali D'Azeglio, dove c'è anche il Centro Marrazzo, a Livorno. Dura poco, chiude e le sue frequenze passano a Italia Radio. Da questa iniziativa ha vita Radio Alice.

RADIO ALICE: nasce nei locali della sezione PCI sugli scali D’Azeglio, dove c’è anche il Centro Marrazzo, a Livorno per mezzo dell' Associazione livornese informazione cultura economia (di li il nome) sulle ceneri di Radio Bit.Tra i primi collaboratori c'è Marco Sisi. (Ruggero Righini).

RADIO ONDA: nasce nel 1982 nel Palazzo Corallo a Livorno per iniziativa di alcuni fuoriusciti di Radio City One. Gli studi, ridotti all'essenziale, sono composti da una stanza con una consolle audio e un piccolo locale dove si trovano i dischi. E' poco più che un esperimento durato pochi mesi. (Ruggero Righini).

RADIO POPOLARE

 

RADIO MARE IMPERIALE: Tirrenia (Livorno)

 

RADIO DIOCESANA LIVORNO

 

RADIO AFN LIVORNO: (già Seb) è l'emittente in lingua inglese della base militare di Camp Darby di Tirrenia (Livorno) che serve la comunità americana con due frequenze in FM ed un canale televisivo. Trasmette anche produzioni locali ma più che altro programmi classici come ‘The American Top 40′. Un militare di stanza nella base ha collaborato tra il 75 e il 76 a Radio Libera (Ruggero Righini).

 

RADIOTOSCANA: emittente fiorentina con sede anche a Livorno in via Fiume 23, trasmette per la città e provincia dagli 88 mhz

 

RADIO SILVER SHADOW INTERNATIONAL: emittente di Livorno nasce alla fine 1978 con prove tecniche di trasmissione sui 95.400 MHz da un idea di Arturo Moriacchi, Paolo Cei e Mario Pacifico. Inizia la programmazione ufficiale nell’aprile 1979 da uno stanzino di via Adolfo Tommasi 80 a Livorno,  quartiere Colline, con una potenza di 2 watt anche sulla frequenza 90.800 MHz, coprendo il bacino di utenza di Livorno, Pisa e Viareggio.  L’emittente ha la collaborazione di altre 15 persone. Nel 1981 si trasferisce in una mansarda agli Scali Olandesi. Nel 1989 viene ceduta ai fratelli Piero e Massimo Ciantelli che successivamente la cedono a Radio Stop di proprietà di Ugo Morelli.

 

STUDIO ROSA: nasce nel 1994 in prossimità di Via Cecconi a Livorno come prosecuzione di Radio Silver Shadow. L'emittente cerca di raccogliere, negli intenti più che nei risultati, l’eredità della originale Radio Rosa. L'esperienza è piuttosto breve e limitata al 1995 quando un furto di apparecchiature è determinante per portarla alla chiusura (Ruggero Righini).

 

RADIO CENTRO LIVORNO

 

TELERADIO CENTRO: Colle Salvetti (Livorno)

 

TELERADIO CENTRO: emittente di Colle Salvetti, in provincia di Livorno

 

RADIO FLASH 2: emittente di Piombino nata alla fine degli anni '80

 

RADIO PIOMBINO CENTRALE: sede via De Sanctis 61 Piombino. Nasce il 26 dicembre 1976 mhz 104 con prove tecniche di trasmissione, antenna su Monte Capanne (m.1019 isola d'Elba). Trasmette con un vecchio Collins da 50 watt ed arriva a coprire Follonica, Punta Ala, San Vincenzo, Campiglia e Suvereto. L’emittente è formata da una cooperativa composta da sei soci: Franco Barone, Alessandro Bartalucci, Silvano Galligani, Edio Veronesi, Valdo Quarati (tecnico), Franco Tomi. Tra i collaboratori anche: Mauro Del Santo, Marino Alberti (già componente del complesso di Riccardo Fogli), Graziella (Disco dedica in diretta e Sotto a chi tocca) suo marito Ennio Fulcheris (lo sport), Orazio. La radio raccoglie i  primi successi. Nel 1978 monta il primo ripetitore da 600 watt sul monte Perone all’isola d’Elba ed effettua il grande salto di qualità che la proietta tra le radio più potenti della regione. Il segnale raggiunge chiaro fino a Livorno e a Grosseto, la copertura dell’isola d’Elba è totale, la costa orientale della Corsica pure. Altre voci si uniscono ed entrano: Florio, Maurizio, Stefania, Lorella, Marcello (radiogiornale), Flavio, Renzo Bacci (musica di ieri), Francesco Spagnoli (calcio in diretta, rally dell’Elba). Nel 1982, per tre giorni, trasmette la gara automobilistica dell’Elba da quattro postazioni, una fissa a Marina di Campo e tre mobili, per mezzo di Franco Moro, Massimo Di Stefano, Mauro Volpi, Maurizio Bellagamba e  Alessandro Fulcheris. Passa a 1200 watt dal Monte Capanne sempre all’Elba, si riceve regolarmente nelle Provincie di Livorno, parte di Pisa e della Versilia, Grosseto, Viterbo, parte di Siena, della Sardegna e della Corsica, ma arrivano telefonate da Limone (Piemonte), Imperia, Riviera di Levante (Liguria), Costa Azzurra (Francia), Barcellona (Spagna), costa calabra (Calabria), addirittura dal Belgio. A chi lascia per altre emittenti (Mauretto a Radio Toscana Nord di Carrara) altre voci si aggiungono: Florio trasmette il Time Out e il Disco Juke-box, Maurizio (la più bella voce della radio) il Laser, Luca Carrara, Stefano Larini (Stefano Flipper), Stefano Martini, Luigino, Paolone, Patrick Donati, Maurizio Bellagosc. A metà anni ’90 il declino e la fine con l’acquisizione da parte di Radio Flash di Livorno che la battezza Radio Flash 2. (Ruggero Righini).

 

RADIO ETRURIA UNO: emittente della Val di Cornia, mhz 100, c/o Standa, Fiera Venturina, Campiglia Marittima.

 

RADIO LIVORNO CITTA' APERTA. emittente fondata nel 1976, sede in via Sant'Andrea 69, area di copertura Livorno, Pisa, Lucca, Massa, Pistoia, responsabili dell'emittente Cristiano Macera e Luca Collodi. Il Cisternone, Palazzo Vescovile 69.  Editore la Cooperativa di Cultura e Informazione della Diocesi con sede in via S.Andrea, il Campanile della Chiesa ospita le antenne di trasmissione dei 95,800 mhz che irradiano informazione e dirette di eventi. Col tempo il bacino di ascolto viene ampliato a tutta la provincia e alla costa tirrenica tramite il ripetitore del Monte Serrra con frequenza 92,100 mhz e per la città 95,800 mhz. La radio chiude nel 1995 (Ruggero Righini)

 

RADIO INTERPRISE: emittente nata nel 1979 in una cantina di S.Giovanni a Marciana Marina (Livorno) con un trasmettitore da 5 watt per iniziativa di un gruppo di amici: Maurizio, Davide e Barbara Samorè, Simonetta e Chiara Allori, Davide Berti, Stefano Mazzei, Stefano Paolini, Alessandro Battani, Marco Bulleri. Era una piccola emittente dell'isola dell'Elba che trasmetterà per un paio d'anni dai 101,100 e chiuderà i battenti nel 1989. Riapre nel nuovo millennio con la denominazione di Radio Mare. (Ruggero Righini)

 

RADIO KIT: emittente di Marciana Marina in provincia di Livorno nata nel 1983 per iniziativa di Gian Marco e Nino Caccialli, Andrea e Fabrizio Sarti, Stefano e Laura Paolini, Walter Marroncini, Francesca Bulleri, Cristina Murzi, Cristina Crivellari, Cristina Braschi, Tatiana e Barbara. Trasmetteva con un autocostruito di 25 watt di potenza, copriva una zona ben precisa dell'isola d'Elba, aveva sede in via Loyd, chiuse i battenti nel 1986 (Ruggero Righini).

 

RADIO ESTATE: questa emittente nasce nel 1988 in località Timonaia a Marciana Marina (Livorno). A differenza delle precedenti emittenti locali più pionieristiche ha un aspetto più professionale: trasmette per 12 ore al giorno con 100 watt di potenza a copertura di maggiore estensione dell'isola d'Elba, ma delle vecchie emittenti annovera molti dei fondatori: Stefano Paolini, Walter Marroncini, Massimo Beria, Valentino Costa, Piero. Chiuderà i battenti negli anni '90 (Ruggero Righini).

 

RADIO MARE: nasce nel nuovo millennio a Marciana Marina (Livorno) per iniziativa di Dj l'Esiliato che terminate le esperienze con le altre radio di Marciana Marina da solo accende una nuova realtà utilizzando internet ed il web. Con l'aiuto di qualche sponsor dell'Isola d'Elba trasmette dediche e tanta fantasia per ogni parte del mondo (Ruggero Righini)

 

RADIO STOP: emittente di Livorno tuttora in attività.

 

COSMO RADIO

 

RADIO ANTENNA ROSIGNANO: via della Cava 40 Rosignano Solvary

 

RADIO CENTRO ROSIGNANO: via del Partigiano 41 Rosignano Solvay

 

RADIO ROSIGNANO: via Calatafimi 5 Rosignano Solvay

 

RADIO LIVORNO: emittente nata nel 1975, sede in via Garibaldi 10. (Segnalazione di Ruggero Righini), abbiamo ritrovato un'altra Radio Livorno)(responsabile Renato Scarola, via Spalato 4 Livorno.

 

RADIO CECINA UNO RC1 FM ITALIA: Via Secondo Risorgimento, Palazzo Galleria 42, Cecina.

 

    RADIO STUDIO 101: emittente di Cecina

 

RADIO VENTICINQUE: Piombino, via S.Hermite 25 Piombino, nasce nel 1979 con il nome di Radio Costa Etrusca, irradia i suoi programmi dai 91,700 mhz e dai 98,500 mhz, direttore è Narciso Lupi, il nome Radio 25 deriva dal fatto che il suo territorio è posto sotto la competenza dell'Unità Sanitaria Locale n.25.

 

RADIO PIOMBINO: fm 91.40 nasce nel 1979. Da allora si evidenzia grazie a un'informazione attenta e sempre fresca, forte delle quattro edizioni giornaliere di notiziari esclusivamente comprensoriali, sei edizioni regionali, nove dedicate alla viabilità in Toscana e ben quattordici edizioni flash nazionali e internazionali. Si ascolta nel Comprensorio Val Di Cornia sui 98.50, 91.40, 91.60, 91.70 e dal Monte Amiata sui 94,00 e 100.50. On Line in tutto il mondo. H sede in via Hermite Stefano 2 a Piombino. (Ruggero Righini).

 

RADIO COSTA ETRUSCA: emittente nata a Piombino nel 1979, frequenze 91,700 e 98,500 mhz, sede in via Boncompagni.  Enzo Padovani, un nostro lettore ed ascoltatore dell'emittente ricorda che: "Radio Costa Etrusca era la radio dei dilettanti. snobbata dai professionisti di Radio Piombino Centrale. Una delle prime trasmissioni fu dedicata a Riccardo Fogli e all'allora sua moglie Viola Valentino diventata famosa con Comprami, i genitori di Fogli abitavano a poche centinaia di metri dalla sede della radio ed i dj cercarono di intervistarli.  All'inizio degli anni '80 assume la denominazione di Radio 25 Piombino poichè la sua sede è posta sotto la competenza dell'Asl n.25. Nuova sede largo Calamandrei 12 Piombino, quindi in via L'Hermite 2 dove è oggi. Dopo la chiusura di Radio Piombino Centrale

 

RADIO DIFFUSIONE COSTA TOSCANA: via Aurelia 12, Donoratico.

 

LUCCA

B.B.S. Babilonia Broadcasting Studio fm102 Mhz, da subito meglio nominata Radio Babilonia fm 96.3, 96.6 e 106.4, sesta emittente di Viareggio (Lucca) nasce il 27 luglio 1978 come cooperativa “Maggio 1978” con i soci: Daniele Palchetti (Presidente), Giacomo Galafate Orlandi, Giancarlo Trombetti, Alberto Guidetti, Alessandro Cortopassi, Roberto Pacini, Luca Gambaccini, Marco Savasta, Giovanni Gonella, Franco Marlia, Giovanni Panzeri ed in seguito: Andrea Giunta, Daniele Bresciano, Pier Luigi Garuglieri, Claudio Brocchini, per poi concludere nella “Babilonia s.n.c.” del 1982 con Roberto Pacini e Andrea Giunta. Il successo arriva subito. Ottimo segnale, notiziari giornalistici e sportivi, una serie di speaker che si evidenziano al pubblico giovanile con il loro modo “all’americana”. Ci sono: Andrea e Anna Giunta, Franco Marlia, Daniele Bresciano e Giancarlo Trombetti che diventerà poi direttore dei programmi di Videomusic. Tra i collaboratori Claudio Brocchini, Mario Cerri, Manlio Mevoglioni  e Angelo Marchetti. Insieme iniziano le prime trasmissioni da una stanzetta di via Fratti 122 nella sede del Partito Liberale Italiano. Una radio che ospita i grandi nomi della musica italiana ed internazionale, addirittura Roberto Benigni conduce un programma serale oggi leggenda e Giorgio Panariello è per anni nello staff dell’emittente. Una sera del 1978 nel programma di musica rock ma non solo  “Sballando s’impara” che si prolunga fino a tarda notte con l’intervento degli ascoltatori, condotto da Franco Marlia e Giancarlo Trombetti, sono  ospiti in studio il regista Marco Ferreri e Roberto Benigni che canta dal vivo e in anteprima “L’inno del corpo sciolto”, circa un anno prima che fosse pubblicato su disco. Dai primi anni ’80 è la collaborazione con Giorgio Panariello. Conduce la fascia oraria che va dalle 12 alle 14. Il suo è un programma di musica, imitazioni ed intrattenimento che incontra un grosso successo. La domenica mattina il suo spazio segue quello tradizionale dello sport e la presenza di Giorgio nel palinsesto della radio da già l’idea di che tipo di programmazione ha la radio. E’ la voce più bella che rende importanti tanti programmi. Si dice addirittura che Panariello abbia iniziato a fare l’imitatore ascoltando alla radio Claudio Sottili e sia rimasto affascinato dalle sue performance. Anche oggi che è diventato un personaggio importante dello spettacolo, Giorgio considera quegli anni uno spazio indimenticabile.  Con la chiusura di Radio Mare molte delle sue voci entrarono qui, tra queste quella di Massimo Barsotti. Nel 1981 quando la sede viene trasferita al secondo piano di in appartamento in via Mazzini 155 di proprietà di Marco Garfagnini uno dei proprietari di Radio Mare, Max Davoli stabilisce il record di più ore di trasmissione in diretta radiofonica a seguire quello televisivo fatto dal vulcanico Giorgio Mendella dagli studi di Retemia e l’avvenimento viene ripreso anche in Rai. Il pubblico proclama Babilonia prima nella provincia con 90.000 ascoltatori quando l’emittente inizia ad occuparsi in un modo totale uscendo dallo spazio regionale. Ogni giorno collegamenti con Roma e Milano, anteprima musicali internazionali, concerti dei più grandi big internazionali grazie alla collaborazione con Mimmo D’Alessandro. E la radio progressivamente negli anni diventa l’emittente radiofonica più importante e più ascoltata. Organizza concerti, manifestazioni di piazza, eventi artistici di grande rilievo ma più che altro porta nell’etere un messaggio di simpatia e professionalità. Tra gli speaker storici: Giorgio Panariello, Carmen Nooerlander, Roberto Del Dotto, Michele Piccoli, Andrea Tomei, Stefano Pasquinucci e per lo sport la collaborazione di Eugenio Fascetti ex giocatore ed allenatore di serie A, Alessandro Barsi giocatore dell’Atletico Forte dei Marmi di hockey su pista di serie A e la redazione composta da Loris Marchi, Alberto Verona, Giulio Arnolieri, Roy Lepore ed Angelo Cupisti. Cinzia Donati che cura anche l’ufficio stampa, Francesca Navari per la cronaca locale, Maria Tucci, Monica Romiti, Mirko Montaresi, Max Bellè, Beppe Tavoletti, Enrico Repetti, Alberto Pezzini, Anna Gloria Di Bono, Marco Billera, Paolo Goduto, Michele Angelotti, Alessandra Pesenti, Vera Vieri, Emilio Bernieri,  Alex Biagi, Giorgio Giordano da sempre dj in Versilia, Paolo Di Grazia, Alessia Biagi, Amedeo Ceppini, Sonia Pepe, Elena Torre, Luca Ramacciotti e gli “stranieri” Pedro Pittier dal Brasile, Enzo Persueder dal Portogallo, Mario Navarrete Nino dalla Colombia. La serie dei dj o collaboratori è lunghissima. Molti trasmettono col solo nome o con lo pseudonimo. Fermiamoci qui, chiedendo scusa a coloro che non sono stati citati. Tra le trasmissioni di punta il “Radio sveglia”; il “Babilhockey”, con dirette del CGC persino dal Portogallo; e “British Invasion”, condotta da William Lupo. All’inizio degli anni ’90 gli ascoltatori sono quasi raddoppiati nel numero di 160.000. Nel 1994 la radio passa un periodo di crisi ma le programmazioni non vengono mai interrotte. Anzi, quando gli studi sono  nuovamente trasferiti nella nuova sede di via Pucci 82  c’è la ripresa alla grande. Le frequenze: 96.6 Mhz per Lucca, Massa, Pisa e Livorno; 96.4 per Spezia e Carrara. Il trasmettitore principale della radio  copre il raggio di emittenza da Grosseto al confine francese (ed oltre) per la fascia mare e dalla Garfagnana alla provincia di Pistoia per l’interno. I ripetitori poi  rilanciano il segnale. Questi  sono situati: sul Monte Meto per coprire tutta la Versilia e la fascia mare; sul Monte Carchio a copertura della zona di Massa; sul Monte S. Lucia a copertura della zona di Carrara; sul Monte Parodi a copertura della zona di La Spezia. Nel marzo 2001 Radio Babilonia  chiude i battenti. Vende le proprie frequenze a Disco Radio di Bergamo, che oltre ad irradiare il proprio segnale in Lombardia, Piemonte e Liguria, dal 12 marzo 2001 entra anche in Toscana. Alle ore 20 del 3 marzo 2001 Andrea Tomei spenge il trasmettitore della radio. Solo lui può prendersi questa responsabilità di un dolore così grande. Quel giorno in tanti sentono uno strano silenzio nel cuore così per non dimenticare la storia della radio viene  realizzato uno spazio su internet dove Babilonia vive ancora a prescindere dai suoi mitici 96.6 di FM. Ogni giorno musica, sport e intrattenimento, un viaggio a portata di mouse per rivedere immagini, riascoltare vecchi programmi, risentire la musica colonna sonora dell’entusiasmo (Ruggero Righini).

RADIO LUCCA: mhz 102,500

 

RADIO MASSAROSA SOUND

 

RADIO MASSAROSA SOUND 2: la seconda rete di RMS, emittente toscana della famiglia Betti (targata 1980) nei giorni scorsi ha ceduto la frequenza 102.250 MHz irradiante sulle provincie di Lucca, Massa Carrara e Pisa al network milanese RTL 102.5 e dopo 24 anni ha cessato le trasmissioni. (Ruggero Righini).

 

RADIO ALFA DOPPIONOVE 

 

RADIO ALICE: nasce nel 1981 a Castelnuovo  Garfagnana (Lucca) sulle ceneri di Radio Modulare Alta Garfagnana per mezzo degli amici Tagliasacchi e Rocchicchioli del Pci. E' proprio Andrea Tagliasacchi ad acquistare l'emittente con i proventi della Festa dell'Unità che si svolge al campo Boario. Il Giovane (che diventerà Presidente della Provincia di Lucca dal 1997 al 2006) ha la vista lunga, crede nell'informazione e convince altre persone dell'utilità di una radio di parte, ma assolutamente con porte aperte per tutti, che dedica spazio all'informazione ma anche all'intrattenimento. Un ritrovo per i giovani che ha una gestione molto democratica ma che nel giro di qualche anno chiude inesorabilmente.  (Ruggero Righini).

 

 

RADIO RONCO: le origini di questa emittente che fu la prima radio privata italiana a trasmettere in am risalgono al 1970, quando le trasmissioni non sono legali, ha sede in via Ronco 6 a Massarosa (Lucca) sulle alture fra l'autostrada A1 e i colli delle Alpi Apuane. La fonda un esperto di elettronica Luigi Lugnani (Scienza), con la collaborazione di altri due amici: Gianluca Bei e Walter Lombardi (che la descrive anche su Massagrausi, giornalino della chiesa). Fra gli altri collaboratori ci sono anche le sorelle di Bei, Annalisa e Donatella. La radio trasmette musica e parlato per molte ore del giorno, principalmente la sera dopo cena fino alle 3 di notte saltuariamente con 500 watt in uscita in AM su 1470 KHz pari a 204 metri (poco vicino a Radio Montecarlo) e indagini d'ascolto confermano la presenza a La Spezia in Liguria a Pisa ed a Empoli. La stazione dispone dei trasmettitori a valvola realizzati dal pioniere, un giradischi di plastica della geloso con un piatto, un mangianastri a cassetta, un mixer fatto in proprio con due tre canali, due microfoni metallici della geloso, antenna di 20 metri con un circuito accordato. Dura circa tre anni fino al 1973, forse qualcosa di più. Poi l'oblio. Nel 2010 viene smantellata l'antenna e la storia torna alla luce. Oggi vive sul web http://www.youtube.com/watch?v=ElpS2ouINyc&feature=relmfu (Ruggero Righini) (si ringrazia per la collaborazione Roberto Tintori)-

 

RADIO L:  nasce nel corso del 1977 sulla via Sarzanese a Bozzano (Lucca) in un casottino di un ex distributore di benzina nei pressi del calzaturificio Apice fondata da Luigi Lugnani (ex Radio Ronco) con altri 5 amici: Alfonso Betti, Cinquini, Giacomo Galafate Orlandi (poi a Radio Babilonia), i fratelli Bruno (poi a Radio Montecatini 102) e Franco Alvaro. Trasmette in Fm con regolare autorizzazione intorno ai 90 MHz con due finali da 100 watt l'uno ma la diffusione gli fa coprire soltanto una piccola zona perchè l'antenna di trasmissione di 20 watt in trasferimento al ripetitore sul monte di Montigiano è troppo distante dalla sede e la distribuzione è fatta male in più Radio Mare Versilia di Viareggio trasmette con una delle tre frequenze dal monte Marcello (La Spezia) per le provincie di La Spezia, Massa Carrara e Lucca proprio sui 90 MHz e copre chi le sta vicino. Nel 1978 si converte in Radio Valle Mare (Ruggero Righini) (si ringrazia per la collaborazione Roberto Tintori).

 

RADIO VALLE MARE: nasce nel 1978 come continuità di Radio L, emittente di Bozzano (Lucca) con gli studi in via Sarzanese. Ai vecchi collaboratori: Lugnani, Cinquini, Galafate Orlandi ed i fratelli Alvaro si aggiugono un'altra decina di collaboratori. L'emittente si da un assetto più organizzato e viene citata operante al 31 marzo 1979 dal Comitato Regionale per il Servizio Radiotelevisivo della Regione Toscana. Ma neppure il nome molto vicino alla più importante Radio Mare di Viareggio porta fortuna tanto che l'esperienza dura un breve lasso di tempo fino al 1980. (Ruggero Righini). (si ringrazia per la collaborazione Roberto Tintori).

 

RADIO MONTECARLO ANTENNA 104: nasce nel 1975 in via Pozzale 14 a Montecarlo (Lucca). E’ una delle prime radiolibere italiane omonima della più importante del Principato di Monaco ma che nulla ha a che farci. Nel 1976 si avvale della collaborazione di Alex Valentini (creatore in seguito di Radio Italia Due di Santa Maria a Monte (Pisa) diventata Radio Stop (Montecatini Terme) e negli anni ’90 a Radio Italia solo musica italiana e Radio Italia anni 60). La radio piace, diffonde da un colle posizionato tra  le alpi Apuane e per la sua ubicazione felice diffonde in buona parte delle zona delle provincie di Lucca, Pisa, Livorno, Pistoia. Chiude però nel corso di pochi anni schiacciata dall’arrivo dei network nazionali.

 (Ruggero Righini).

 

TELE RADIO CAPANNORI: mhz 103,480, Marlia

 

TVS STUDIO RADIO UNO: località Piaggiori Segrovigno Monte

 

RADIO QUASAR: Vitiana Coreglia Alteminelli

 

RADIO SOLE: emittente di Lido di Camaiore nata nel 1976, fra i collaboratori Stefano Pasquinucci.

 

STUDIO RADIO TOSCANA SOUND: nasce nel 1979 in località Marginone ad Altopascio (Lucca). Dato che una Radio Toscana è operante nello stesso paese fino al 1992 poi a Chiesina Uzzanese (Pistoia) almeno fino al 1995 si presume che verosimilmente sia la stessa emittente con abbreviazione di nome e trasferimento di sede.  (Ruggero Righini).

 

RADIO ALFA 99: nasce sulla fine degli anni ’70 in via Pacconi 2 a Porcari (Lucca). Prende il nome dalla frequenza di trasmissione dei 99 MHz. Trasmette per parte della provincia su Porcari, Capannori, Altopascio e zone limitrofe. Nel 1985 (fino al 1987) trova la collaborazione di Marco Viti. Chiude nel corso degli anni ’90. (Ruggero Righini).

 

RADIO VALLE MARE: Bozzano

 

RADIO FORNACI ONE: emittente di Fornaci di Barga (Lucca) ha cessato di esistere nel nuovo millennio, le sue frequenze sono rilevate dalla syndication Fantastica.

 

RADIO JAMAICA: emittente di Altopascio (Lucca) sede in via Francesca Romea 15, trasmetteva musica di liscio, irradiava i suoi programmi dai 90.150 (Firenze), 87.500 (Monte Serra), 105.400  (Monte Carchio) a copertura per le province di Lucca, Pisa, Livorno, Massa Carrara, Prato, Pistoia, Firenze e La Spezia. Cesserà le sue trasmissioni nel marzo 2001 e la sua frequenza sarà rilevata da Radio Zeta di Bergamo.

 

RADIO LUCCA 2000: nasce a Lucca a fine 1974 quando un gruppo di ragazzi appassionati di musica ed elettronica danno il via a questa avventura chiamata radio. Quando scelgono il nome sono proiettati in un futuro talmente lontano che quasi non lo immaginano. Oggi sono sempre qui alle soglie del primo decennio degli anni 2000. A pensarci bene ha dell'incredibile sopratutto per come è cresciuta ed è andata avanti. Certamente, voltandosi a guardare il cammino che hanno fatto alcune radio, l’emittente poteva essere fra i network italiani, ma in realtà la scelta fatta si è rivelata vincente perché questa è la giusta dimensione locale, attenta al territorio e con area di ascolto estesa alle provincie limitrofe di Pisa, Livorno, Massa e parte di Pistoia. Anche perchè il compito è quello di accompagnare con una colonna sonora composta da musica, informazioni (uno l’ora) e speciali gli ascoltatori nei loro spostamenti quotidiani. Un'importante realtà, oramai pienamente riconosciuta che è diventata punto di riferimento musicale, informativo e sportivo. Dalle sue antenne migliaia di voci si sono sparse nell'aria fino ad entrare nelle case, nelle automobili, si sono alternate ai microfoni le voci dei personaggi politici che hanno segnato la vita della provincia, di quelli dello spettacolo, ha dato voce a molte associazioni e anche a tanti cittadini. Insomma, in fondo una radio fatta dalla gente, una radio per la gente. Molto seguita nelle trasmissioni sportive del sabato sera e della domenica pomeriggio da sempre è voce della squadra di calcio della Lucchese con il commento di Emiliano Pellegrini, una garanzia. Della radio Lanfranco Ghilardi è stato competente collaboratore per il ciclismo. Tra i programmi: Parliamone insieme alla radio, Musicland con Stefano Barsotti, RadioActiva con Ema, Eden con dj Tony, Night wolf radio station. Anteprima sport, Clubbing ! con dj Luca Maffei, The Mix Show, Radio 2000 sport, La nostra musica, Caffè Italia Italian style & more, Music Box Grandi successi di sempre, Heavy Rotation Le hit del momento, Afterhours The new old & new hit, Niteline La notte di Radio2000 (Ruggero Righini).

 

TELE RADIO NORD GARFAGNANA:  emittente di Piazza al Serchio.

 

RADIO MODULARE ALTA GARFAGNANA: Castiglione Garfagnana

 

RADIO CIOCCO: emittente di Barga 

 

RADIO CIOCCO MONTE PIZZORNE

 

RADIO VERONICA

 

SOUND NETWORK

 

RADIO VIAREGGIO CONTROCANALE 103: pioniera delle radio politiche, nasce nella primavera 1975 a Viareggio sulle note di “Ho visto un Re” di Enzo Jannacci. La prima emittente radiofonica della città trasmette sulla frequenza 103 MHz dagli studio di via Pucci 149. Orientata a sinistra, di chiara marca politica extraparlamentare vicina al Pdup – Manifesto, si pone tra le prime cinquanta radio indipendenti che trasmettono in Italia, quinta in Toscana. Ideata da un gruppo di amici, composto tra gli altri da Paolo Paoli, Riccardo Bendinelli,  Lawrence Thomas Martinelli (oggi collaboratore de Il Manifesto), Angelo Pardini, Giovanni Dell’Amico, Marino Barsotti apre in concomitanza con le elezioni politiche dell’aprile e riesce a trasmettere nonostante che i suoi mezzi siano proprio all'indispensabile. La radio, infatti, con le sue diverse attività si poggia unicamente sul lavoro volontario e la passione di coloro che intorno ad essa gravitano: giovani desiderosi di dare un'informazione alternativa e diffondere musica meno nota. Si evidenzia al suo nascere per la cadenza non programmata dei suoi programmi con gli speaker che non seguono orari o palinsesti organizzati ma  trasmettono, quando ne hanno voglia, per qualche ora la mattina, il pomeriggio e la sera oltre alla musica “nuda” specialmente comunicati, interviste, rubriche e addirittura un gioco telefonico. Nell’estate organizza anche concerti musicali popolari con le prime canzoni di Francesco De Gregori, Eugenio Finardi e di Alberto Camerini, eventi e performance di strada, informazione e dibattito politico.  Nonostante l’interesse che suscita ha però incerta fortuna, oltre che per difficoltà tecniche specie per gli ostacoli legali dato che non si limita a trasmettere in continuità musica ma trasmette veri e propri programmi la cui linea politica non è certo vicina a quella governativa ma la vede come emanazione del gruppo e della componente che ne ravvisa la potenzialità in funzione di informazione politica. Chiude dopo 6 mesi nell’ottobre 1975 quando le radio in Italia sono già 150. Nonostante sia riportata come emittente attiva nella “Carta delle stazioni radio italiane 1976/77” del mensile “Millecanali” e nel “Minidizionario radio libere” del settimanale “Radiogiovani” per il biennio ’76-’77 non trasmette lasciando l’etere ad altre realtà della città. Nel corso del 1978 prova la riapertura, in via Veneto 72, come cooperativa ad azionariato popolare con l'idea di essere vero e proprio progetto di informazione e comunicazione e voce indipendente di sinistra ma per la fragilità dei mezzi sia tecnici che finanziari chiude definitivamente dopo un paio di mesi. Ricorda Lawrence Thomas Martinelli: “La storia non si fa con i "se", ma probabilmente oggi Controcanale avrebbe fatto parte di Popolare Network. Ci piaceva anche questa "Gioia e rivoluzione" degli Area, cantante Demetrio Stratos. All'epoca io e Sandro facevamo un pogramma contenitore di sonorità e approfondimenti tematici che si chiamava Musica Nuda. Fra un disco di Frank Zappa e un'intervista a Mauro Rostagno ci si dava appuntamento quotidiano apprezzato da un apprezzabile pubblico di nicchia. "Who do you love" dei Quicksilver Messenger Service era la sigla. Sempre dell'etichetta Ultima Spiaggia, ogni tanto trasmettevamo questo "Sfogatevi Bestie" con le battute inter nos a microfoni spenti (ma non sempre). Per la cronaca, Colombo era anche autore ed esecutore della mitica sigla di Rai Stereonotte. Come organizzatore del concerto di De Gregori c'era un'accoppiata inedita -Gioventù Aclista e Circolo di Unità Proletaria- e dell'incasso ne ebbe giovamento per metà proprio la radio. L'altro concerto a prezzi popolari ci andò male invece, tant'è che il giorno dopo ci ritrovammo a fare la promozione a Mino Reitano (sic ...) per recuperare le perdite. Il fatto fece vacillare il concetto di musica "alternativa" a qualcuno di noi. Quando arrivarono i dischi dell'Ultima Spiaggia, etichetta indipendente con Gianfranco Manfredi, Ricky Gianco, Roberto Colombo, sembrava aprirsi davvero una nuova epoca musicale e della produzione discografica italiana. E li passavamo abbondantemente con gioia e convinzione. Era la canzone bandiera di tante radio libere di quel periodo. Quante volte l'abbiamo ascoltata, fischiettata e trasmessa!”. (Ruggero Righini).

 

 

T.R.E. TELE RADIO EXPRESS: Fm100 con sede  a Barga al Ciocco di Castelvecchio Pascoli (LU) nasce nel 1975 come una delle prime esperienze radiofoniche della regione. Di proprietà del gruppo imprenditoriale Marcucci, creatore della società di ripetizioni televisive estere S.I.T.- Società Impianti Televisivi, modula sugli 87.5 e 100MHz per la Toscana e occupa con la sua programmazione le ore di monoscopio sulla rete di ripetitori S.I.T. non dedicata ai programmi esteri che si chiama: TeleNordMilano in Lombardia, TeleExpress in Emilia Romagna, TeleSanMarco in Veneto, Tele Radio Express (T.R.E.) (poi TeleCiocco) in Toscana, TeleUrbe nel Lazio e TeleStudio50 in Campania che diventeranno Elefante Circuito Tv. La programmazione quasi esclusivamente musicale con ridottissima conduzione. All’inizio i numeri di telefono della rete vengono ripetuti insistentemente nel corso della programmazione da una voce maschile per mettersi in contatto con la radio e sottoporre la propria richiesta musicale. La società decide così. Del resto anche la tv, un organizzazione poderosa che sul piano tecnico può fare concorrenza alla Rai, emette al momento trasmissioni sperimentali. La dirige il livornese Ruggero Montingelli. Due studi attrezzati con apparecchiature che tante stazioni radio  private non possano far altro che sognarsi. Pareti insonorizzate, moquette, luci rosse. Uno studio professionale. Ma gli sforzi ai concentrano ben presto sulla rete televisiva e come una chimera l’esperienza radiofonica si ferma in un breve lasso di tempo. (Ruggero Righini).

 

RADIO FORTE DEI MARMI: nasce nel 1978 in via Duca d’Aosta 34 da un idea di Carlo Fontana presidente dell’emittente (poi volto noto di UNOMATTINA) oggi caposervizio degli speciali di tribuna politica della Rai, di suo fratello Paolo e di Don Clemente. Le prime trasmissioni  grazie alla volontà di alcuni altri giovani vengono realizzate da un garage. Fin dall’inizio ha l’incondizionato appoggio di Emilio Tarabella e da uno staff composto da Riccardo Pollastro, Guido Raffaelli, Renzo Bertilorenzi, Fabrizio Ercolini, Paolo Viacava, Carlo Bertozzi, Simone Polacci, Daniele Nicotera, Mario Spoto, Massimo Amati, Sabrina Ferrari, Maria Tucci alla quale va dato atto di una serie di articoli scritti nel 1988 per il quotidiano “La Nazione” sulle “Antenne Versiliesi in libertà”, Elisabetta Lo Iacono, Lucia Silicani, Antonella Manzione, Ancella Pardella, Anna Lazzari, ed in seguito Mauro Cancogni e Antonio Giannelli. Tra i programmi: “Bravo Bravissimo” trasmissione per le scuole che riscuote ampi successi; “Le dirette dalla Versiliana” con le interviste personaggi famosi; le tavole rotonde con gli amministratori locali; i giochi e le curiosità; lo sport; la Santa Messa della domenica mattina; e naturalmente l’importantissimo angolo dedicato all’informazione. Come in occasione della terribile alluvione del 1996 quando rappresenta un ponte importantissimo attraverso apparati radio portatili per mantenere i contatti con le famiglie isolate nella zona dell’Alta Versilia con una lunghissima diretta che serve come punto di contatto per la Protezione Civile che può in questo modo individuare le richieste di aiuto e dare la possibilità a molte persone di dialogare e quindi rintracciare i propri parenti in difficoltà. Di fatto ingloba Radio Station di Pietrasanta. Frequenze: 80.900, 91.4, 105.1 per Lucca, Spezia, Massa Carrara, Pisa e Livorno. Nel  2001 cede una sua frequenza alla milanese 105 Network, diminuendo in questo modo il proprio raggio d’azione. L’anno dopo 2002  chiude.  Nel 2004 viene rilevata dalla Misericordia di Viareggio e inglobata dalla tv di Viareggio Rete Versilia News di proprietà di Roberto Monciatti e della Misericordia. Prende il nome di Radio Versilia RFM. Trasmette sui 103.500 da via Cavallotti a Viareggio dagli stessi locali della televisione per la zona della Versilia e parte di Massa Carrara, Lucca e Pisa. Tra gli speaker: Thomas Agostini, Cristhian Fazzini e Claudio Romani. Diffonde un’ampia panoramica di notiziari e servizi d’informazione. La domenica manda in onda in esclusiva la partita della squadra di calcio del Viareggio trasmessa da Tommaso Bertuccelli. Su Internet è’ radio On line. (Ruggero Righini).

 

B.B.S. BABILONIA CASTING STUDIO (RADIO BABILONIA)

 

RADIO STATION VERSILIA: mhz 94,100 e 93,300

 

RADIO MARE VERSILIA

 

RADIO ONDA

 

RADIO MIX: Pieve di Compito

 

RADIO CENTRO VERSILIA: Querceta

 

RADIO TELEVERSILIA: emittente nata a Viareggio nel dicembre 1976. E' la terza radio della città viene realizzata dalla stessa proprietà di Televersilia; nei locali della televisione in viale Manin 5. Un filo musicale sul monoscopio televisivo per occupare il canale quando la tv non trasmette programmi. RTV è posta  a poche centinaia di metri da Radio Mare, sullo stesso viale  a mare. L’esperienza radio finisce subito. Chiude perché “schiacciata” dall’emittente radiofonica più importante. (Ruggero Righini).

 

RADIO CENTRO VERSILIA: emittente di Querceta nata nel 1978 la sua sede era in via Gallini. Fu una delle prime radio parrocchiali nata sull'esperienza di Radio Viareggio. Fra gli ideatori, naturalmente, il parroco del paese e gli appassionati di radiofonia Verona e Sandini (quest'ultimo oggi passato alla vendita editoriale) che si diletta a comporre testi e programmi. L'emittente chiude i battenti all'inizio degli anni '80. (Ruggero Righini).

 

RADIO VALLE MARE: emittente di Buzzano di Massarosa, nacque nel 1978, aveva gli studi in via Sarzanese. Neppure il nome molto vicino alla più importante Radio Mare di Viareggio porta fortuna alla prima emittente di Massarosa tanto che l'esperienza durerà un brevissimo lasso di tempo (Ruggero Righini).

 

RADIO TIRRENO NORD: Dopo i primi "esperimenti" (addirittura nel 1978 su onde medie!) Roberto Tintori. che nel 1979 ha già collaborato a Radio Sole a soli 14 anni decide di creare una vera radio commerciale.  Dopo vari nomi, la scelta cade su R.T.N. Le prime emissioni sui 104,8 mhz a casa dei genitori a Lido di Camaiore, questo per circa 1 anno (1979 fine) con 2 trasmettitori: il primo da 25 watt che fa da ponte sul Monte Piloro, ed un secondo da 15 watt ripetitore vero e proprio. Di seguito con altre persone viene costituita la cooperativa a r.l. La nuova sede è sempre a Lido di Camaiore ma dopo qualche mese viene trasferita in via Volta alla Migliarina a Viareggio. La settima emittente di Viareggio parte con 10 watt di potenza ampliati ben presto a 25. Con l’innesto di altri amici: Luca Puccinelli, Emiliano Rebecchi, Massimiliano Ricci, Patrizio Chiaverini la radio si da un assetto più organizzato e diventa professionale con 350 watt su ripetitore dal Monte Carchio per 3 provincie servite: Lucca, Pisa e Massa. In seguito a divergenze gravi tra soci a Natale 1981 viene chiusa e Roberto Tintori nel gennaio 1982 entra a Radio Viareggio. La radio viene riaperta qualche mese più tardi con il nome di  Onda radio, cambia sede e va in via Montramito in un appartamento al primo piano nei pressi dello svincolo per il Terminetto. Fra i collaboratori ci sono anche Antonio Maffei (che legge il radiogiornale) e molti di Radio Babilonia che per motivi tecnici ha una prima chiusura forzata di qualche settimana: Loris Marchi, Anzia Pucci (già di Canale 39 che poi passa a Radio Babilonia), Antonio Maffei che leggeva il radiogiornale. E la radio fa storia perché proprio Loris Marchi, attraverso una serie di piccoli sponsor (grazie alla collaborazione di Francoise), invia Roy Lepore in Portogallo (Paco De Arcos) per una diretta di coppa Cers del CGC Viareggio che inizia il sabato sera e riprende, dopo black out all'interno del Palasport, addirittura la domenica mattina alle 9.00 con gli ascoltatori che rimangono inchiodati tutta la notte (mitica) davanti alla radiolina. Poi il gruppo chiude la breve esperienza di un mese e torna a Babilonia:  la radio non riesce nell'intento di interporsi fra quelle esistenti e chiude neppure dopo un anno per mancanza di fondi. (Ruggero Righini).Si ringrazia Roberto Tintori per notizie e materiale  fornito.

 

 

MONDORADIO VERSILIA:   Fm 87.500, 101.800, 102.100 MHz nasce a Viareggio il 30 novembre 1985 per mezzo di Luigi Cosignani che acquista da Ernesto Di Rosa tre frequenze di RADIO VERSILIA di Montignoso Massa (in fase di chiusura) e da Marco Garfagnini (già tra i titolari di RADIO MARE e RADIO BABILONIA) la discoteca Linus club di Capezzano Pianore di Camaiore. E’ l’ottava emittente di Viareggio. La radio viene realizzata nella zona del cavalcaferrovia “Viareggio nuova” allo scopo di contrastare il "potere" d’ascolto di “Babilonia” ma soprattutto per dare nuova linfa alla Discoteca di Ponte di Sasso. L’emittente si accaparra gran parte dei conduttori della radio rivale: fra le sue voci ci sono anche quelle di Giorgio Panariello che dalle 12.30 alle 14,30 trasmette “Il grillo parlante”, un programma di musica, imitazioni ed intrattenimento che incontra un grande successo e Piero Chiambretti . L’8 gennaio 1986 la radio viene presentata alla stampa al centro congressi Versilia Holidays di Forte dei Marmi da Giorgio Panariello, Tommy, Loris Marchi e Paolo De Vitis, il successo è  immediato. Un palinsesto curato da speaker d’assalto la portano in testa agli indici di gradimento nel duello mediatico con l’altra emittente. Nel cast ci sono: Tommy ex Radiomontecarlo, Marzia Zanetti, Massimo Barsotti, Paolo Goduto; Roy Lepore, Marco Bardoni e Loris Marchi per la redazione giornalistica sportiva che confeziona molte trasmissioni in diretta (specialmente di hockey su pista). Nel 1986, per l’anniversario del primo anno, l’emittente organizza una festa a Bussoladomani presentata da Loris Marchi (oggi voce narrante dei canali Mediaset, di Season, Tele +, Sky, Odeon e del  Carnevale di Viareggio) e Sonia Pepe con ospiti di nome tra i quali anche Scialpi (Rocking Rollin). Ben presto, però, la meteora tramonta, nonostante i buoni propositi. Dopo nemmeno un anno, alla fine dello stesso 1986 cessa, infatti, la sua attività a seguito di incomprensioni ai vertici con la rottura tra la proprietà che vuole la radio al servizio della discoteca e la direzione commerciale che ovviamente crede innanzitutto nel progetto radio e solo conseguentemente al sostegno del locale. Alcune persone coinvolte decidono di formare una società e accendere una nuova emittente, Onda Radio. Gli altri tornano a Babilonia  (Ruggero Righini). (Si ringrazia Loris Marchi per le notizie e il materiale fornito).

 

 

 

ONDA RADIO: nasce alla fine del 1986 a Viareggio sulle ceneri di Mondoradio quando alcuni protagonisti del progetto decidono di formare una società e accendere una nuova emittente, la nona della città. Nel cast ci sono anche molti di Radio Babilonia che per motivi tecnici ha una prima chiusura forzata di qualche settimana: Anzia Pucci (già di Canale 39 ), Andrea Tomei, Loris Marchi. E la radio fa storia e non passa inosservata  perché proprio Loris Marchi, attraverso una serie di piccoli sponsor (grazie alla collaborazione di Francoise), invia Roy Lepore in Portogallo (Paco De Arcos) per una diretta di coppa Cers del CGC Viareggio che inizia il sabato sera e riprende, dopo black out all'interno del Palasport, addirittura la domenica mattina alle 9.00 con gli ascoltatori che rimangono inchiodati tutta la notte (mitica) davanti alla radiolina. Quando il gruppo termina la breve esperienza di un mese e torna a Babilonia, la radio chiude (Ruggero Righini). (Si ringrazia Loris Marchi per le notizie e il materiale fornito).

 

RADIO MARE: emittente di Viareggio nata nel 1976 per iniziativa di alcuni ex di Radio Versilia

 

RADIO VIAREGGIO: emittente nata il 3 luglio 1977, fm 95.5, 96 Mhz, fu la quinta emittente della città. La sede in via Maroncelli 332 b a Don Bosco, nei locali della Parrocchia. Una cooperativa radiofonica formata da soci fondatori pieni di buona volontà e simpatia. Radio chiaramente cattolica per contrastare le “rosse”. Il primo direttore editoriale Antonio Guidi, poi don Lenzo Lenzi, don Giovanni Scarabelli, Padre Luigi Valmore e Don Giuseppe Boninsegna. Il primo direttore giornalistico Luciano Marcucci collaboratore di “Avvenire. I primi notiziari sono curati telefonicamente dal giornalista Enrico Paolini di Torre del Lago. L’emittente trasmette all’inizio per alcuni giorni della settimana, poi per l’intero pomeriggio, fino ad arrivare all’intera giornata. Nel 1980 la sede viene trasferita in via S. Andrea 223 nei locali della Parrocchia di San Paolino che meglio si presta dal punto di vista nevralgico, essendo nel centro della città. Col tempo nuovi acquisti, nuove voci, nuovi impianti, nuovi programmi, ma con lo stesso spirito, lanciato particolarmente nel mondo dello sport cittadino. Uno staff di dj formato da Paolo Martini, Lorenzo Sani, Andrea Andreozzi, Roberto Andreozzi, Mario Fanti, Luca Coluccini, Giuseppe “Bobo” Bonuccelli, Roberto Del Dotto, Alex Biagi, Claudio Benedetti, Boy, Gianni Bini, Elena e Massimiliano Del Carlo, Roberto Tintori. Tra i collaboratori Giulio Arnolieri; Maria Antonietta Vannelli; Angelo Marchetti, Claudio “Patrik” Bigicchi, Roberto Braschi, Andrea Gemugnani, Massimo Del Carlo, Paolo Gemma, Manuela Cantini, Stefano ”Jerry”   Battistoni,  Emilio Cinquini, Daniele De Plano, Roberto Uloremi, Andrea Fascetti, Marzia Etna, Davide Tabarracci, Adriano Bigongiari, Marco Agostini, Celestino Casula speaker del notiziario, Massimiliano Goldoni, Dario Cresci, Paolo Orlandini, Massimiliano Bertuccelli, Mario Casolari, Raffaello Bertuccelli, Massimo Bertuccelli, Stefano Polloni, Flavio, Eugenio, Paoli per la parte sportiva e non solo; Francesco e Luca Borraccini; Maria Tucci. Tra i programmi: “S come sport” di Massimo Mencarini,; il “Filo diretto” con il direttore; “Scuola 78” curato da Paolo Braschi; “Revaival” di Gabriele Andreozzi; “Le dediche” di Andrea Gemignani. La radio si evidenzia per essere contraria alla messa in onda di giochi perché a suo avviso disturba l’ascolto. Una scelta che minimamente non influisce nell’audience. Nei primi anni ’90 le frequenze dell’emittente sono cedute di fatto ad una radio di Massa e niente valgono gli sforzi dei redattori a far rimanere in vita l’emittente che chiude inesorabilmente nel 1993. Anche chi scrive confezionò nel 1991 una serie di trasmissioni (12) su Viareggio e la sua storia. (Ruggero Righini).

 

RADIO SOLE: emittente di Lido di Camaiore nasce nel 1977 in via di Montenero 10 da un’idea di Enrico Natrella,  già noto al pubblico radiofonico per aver lavorato alla Trans World Radio, meglio nota come “La Voce della Bibbia”, un’organizzazione religiosa protestante che dal 1975 aveva affittato le attrezzature di Radio Monte Carlo e trasmetteva per alcune ore conversazioni religiose e spiegazioni del Vangelo. Programmazione prettamente musicale e con giochi d’intrattenimento. Pochi i collaboratori e tra questi Stefano Pasquinucci, Manuele Garosi e Luigi Torre che presenta un programma di musica Rock. Tutto cade sulle spalle del factotum Natrella: proprietario, speaker, agente pubblicitario. L’esperienza dura qualche anno. L’emittente rilancia la sera del sabato il segnale di Radio Mare poi nonostante la buona volontà e lo slogan “Anche se piove: Radio Sole”, piove sul bagnato e la Radio cessa le sue trasmissioni nel 1980. Da qualche anno Enrico ci ha lasciato. Per il destino di ognuno di noi, non è più in questo mondo. Mi piace ricordarlo al banco di regia a regalare un ora di gioia agli ascoltatori. Chissà se anche lassù riuscirà a fare lo stesso. (Ruggero Righini).

 

RADIO STATION VERSILIA: l'emittente nacque nel 1982 da un'idea di un gruppo di amici appassionati di sport con l'Associazione Culturale della Versilia, fra questi Atto Garfagnini, che viene nominato presidente; Massimo Quadrelli, Mario Puliti.  La sede era a Crociale, poi sulla via Aurelia a Pietrasanta.  Pochi i mezzi ma nel complesso segnale buono e piacevole programmazione musicale. MASSIMO SHOW QUADRELLI DJ, un programma molto seguito, poi le immancabili dediche in diretta ed il notiziario in collaborazione con i giornali locali. Quando nel 1980 Radio Mare chiude, poco dopo la nascita della radio, molti dei suoi collaboratori sportivi passano nella nuova emittenti. Fra questi: Francesco Boraccini, Roy Lepore, Luigi Lucchesi. Con loro Station Versilia riesce a compiere quel saltino di qualità che le è consono. Per due lustri si evidenzia, in particolar modo, per il programma sportivo della redazione diretta da Rodolfo Santini, da far invidia anche alle reti nazionali. Purtroppo il 1995 decreta la fine della radio. Ma i cronisti, mai domi per la chiusura, rilanciano la trasmissione dal monoscopio di Nuovi Orizzonti, la televisione di Camaiore che in comune annovera gli stessi collaboratori. Poi la redazione viene unita a quella di Radio Forte dei Marmi che propone la stessa trasmissione molto seguita dal pubblico. Alla chiusura dell'emittente viene "ospitata" su Radio Italia Più di Carrara (Ruggero Righini).

 

ANTENNA 43: emittente di Camaiore nata alla fine del 1989. Irradiava i suoi programmi di 100,000 e 88,250 mhz per Livorno, Pisa, Lucca e Massa Carrara. E' una fra quelle radio che chiudono quasi subito. Eppure gli sforzi sono notevoli: 9 notiziari, lo sport curato da Giorgio Gori, Ettore Antonucci, Stefano Polloni ed Adolfo per seguire con radiocronache dai campi il calcio minore. Fra i collaboratori Riccardo Davide, Silvia Nardini, Giorgio Venezia, Andrea Lupari, Arnaldo Dj.  (Ruggero Righini).

 

RADIO CLUB: è la nona emittente di Viareggio, la sede (più che altro una redazione) è in Darsena: via Paolo Savi 249 nei pressi dello stadio dei Pini (tel.0584 388028). E' stata creata nel 2000 da una costola dell'emittente di Massa Radio Fiesta, ideata da Francesco De Bernardo, per seguire le sorti della squadra cittadina di calcio con le radiocronache integrali interne ed esterne condotte da Tommaso Bertoccelli, anchor man locale. Trasmette un filo musicale che copre le ventiquattro ore giornaliere.  (Ruggero Righini).

 

RADIO STAR: emittente di Lucca. inizia trasmissioni sperimentali nel mese di giugno del 1984. Apre  ufficialmente i programmi il primo ottobre dello stesso anno. Trasmette sui 93.650, 92.45,102.200 mhz. Da subito si evidenzia con una lunghissima diretta per l’emergenza terremoto accaduto nella zona della Garfagnana e Media  Valle dell’inverno ‘84/’85 e poi per le radiocronache di calcio della Lucchese e del rally città di Lucca. Al servizio della città nel 1992 si presta raccogliendo un grande successo per una  raccolta di fondi a favore di una bambina di nome Erika che da operare al fegato negli USA e trasmette una diretta da una grotta, denominata La Tana che Urla, dove a causa di un improvviso acquazzone restano intrappolati alcuni speleologi.(Ruggero Righini).

 

CONTATTO RADIO: Fm 89.750 MHz per il bacino compreso fra Sarzana e Viareggio e 89.550 MHz per il Golfo della Spezia è un'emittente locale d'informazione indipendente a carattere comunitario, edita dall'associazione Radio Attiva - Arci Nuova Associazione che opera nelle province di Massa - Carrara, La Spezia e Lucca. Un'associazione no-profit che si occupa d'informazione e comunicazione: produzioni giornalistiche in audio, video e testo, gestione uffici stampa, progettazione e realizzazione siti web e portali d'informazione, consulenze nel settore della comunicazione pubblica e privata. Nel 1998 è entrata a far parte di Popolare Network, la più grande rete italiana d'informazione indipendente cui  aderiscono oltre 20 radio in tutta Italia. Trasmette ogni giorno 13 edizioni del giornale radio (dalle 6.30 del mattino fino alle 00.30 della notte), una rassegna stampa nazionale (8.02), uno spazio di approfondimento nazionale ed internazionale (onda anomala, 9.30), quattro edizioni di un notiziario di appuntamenti, dibattiti e concerti (neon sulla città, 7.15 / 11.15 / 16.15 / 20.15), uno spazio di approfondimento locale (pop line, 18.05 - 19.30). Produce speciali in occasione di manifestazioni ed eventi a carattere nazionale ed internazionale: G8 di Genova,  Social Forum Europeo, manifestazioni per la Pace, manifestazioni sindacali, ecc. nonché 5 ore di informazione tutti i giorni e 8 ore di programmi musicali. La scelta musicale della radio è orientata alla qualità dell'ascolto: jazz, rock, world music, musica d'autore italiana, blues, classica, lirica. (Ruggero Righini).

 

MASSA CARRARA

 

(Per le notizie e il materiale sulle emittenti di Massa Carrara ringraziamo Carlo Andrea Lazzoni e Ruggero Righini).

 

RADIO ATTIVA (RADIO MASSA ATTIVA): le origini di questa emittente risalgono al 1968, fondatore Carlo Andrea Lazzoni, attuale editore di Antenna 3 Toscana. "Con un impianto autocostruito alimentato a batterie, iniziai le prime prove di trasmissione trasmettendo musica in fm. L'antenna era posizionata sul tetto di un condominio e il raggio di trasmissione che avevo raggiunto era di circa 800 metri, per quel tempo era comunque una conquista". Nel 1969 Lazzoni modifica un surplus militare dell'ultima guerra. L'apparato così detto "portatile" (Collins) del peso di una trentina di chili inizia a trasmettere in fm. Il segnale arriva a coprire un raggio di un paio di chilometri del centro della città.  "Inizio con delle vere trasmissioni radio trasmettendo qualche ore al giorno, solo musica e qualche chiacchiera. La Polizia Postale comincia ad occuparsi delle prime radio cosidette "libere". L'antenna oltretutto era posizionata vicino alla Questura. Ascoltatori probabilmente una decina".

 

RADIO ATTIVA: emittente di Carrara di matrice politica nata nel 1977, negi anni '80 venne rilevata da Radio In.

 

RADIO MASSA: attiva già nel 1975, via Pineta 63, Marina di Massa, responsabile Oreste Pierucci

 

RADIO MASSA LIBERA

 

RADIO SUPERTIRRENO: Massa

 

RADIO MASSA 103: l'emittente inizia a trasmettere nel 1974 da Marina di Massa in via della Pineta 63. Il lignaggio che usa nelle comunicazioni risponde alle necessità di amalgamare le tematiche nell’ottica o di una sorta di filosofia quotidiana o della rielaborazione politica, come fanno altre emittenti politiche. Fra i collaboratori Carlo Cerovaz Bari (Carletto) poi fondatore di Radio Mare. Alla fine del 1976 chiude. Dopo un paio di anni dalla chiusura nel 1978 si risente. Ha nuovi studi, nuova frequenza e nuova proprietà. Nel 1979 prende il nome di Radio Press e trasmette sulla frequenza  91.100 Mgz. Una delle numerose emittenti italiane che destinano una parte dei loro impianti di trasmissione alla diffusione di Radio Monte Carlo che non avendo una propria rete di ripetitori in FM tenta di arginare l'emorragia di ascoltatori e proventi pubblicitari che le piccole radio locali le avevano sottratto. Chiude definitivamente nel 1982 ì(Ruggero Righini).

 

RADIO MASSA SAUDADES nata il 22 agosto 1975 a Marina di Massa, direttore Oreste Pierucci, mhz 103,000 collaboratori Renato Simonini, Luigi Furiotti, Gabriele Mosti. Chiuse i battenti cedendo le sue frequenze a Radio Free. Dopo un paio d'anni di chiusura ripartì con nuovi studi, nuovi frequenza e nuove proprietà. Nel 1979 assume la denominazione di Radio Press, irradiando i suoi programmi 91,00'0 mhz, chiuderà definitivamente i battenti nel 1982.

RADIO CARRARA: 104 mhz, emittente attiva fin dal 1975.

 

RADIO CARRARA LIBERA 103: emittente di Marina di Carrara, iniziò le sue trasmissioni nel 1975 dai 103 mhz, la sede era in via G.Baracca 6 a Marina di Carrara. Fondata da un gruppo di amici, fra i quali vi erano Ugo  Rossi (aministratore) e Roberto Secci, fra non poche difficoltà sotto il profilo economico e legale nel 1976 si trasforma in Radio Free Stereo. (Ruggero Righini).

 

RADIO TOSCANA 1: emittente di Carrara, fondata da Mario Rallo, irradiava i suoi programmi dai 103,500 mhz. Dopo varie vicissitudini cambiò denominazione in Radio In.

RADIO VERSILIA

 

RADIO VERSILIA: emittente di Montignoso (Massa Carrara), paese vicino a Forte dei Marmi, da non confondere con l'omonima Radio Riviera di cui sopra. Uno dei primi speakers fu Giorgio Panariello. Andrea Lazzoni editore di Antenna 3 Toscana, sta facendo alcune ricerche per ricostruire la storia di questa gloriosa emittente radiofonica che oggi non esiste più.  Lo ringraziamo anticipatamente e non appena ci invierà le notizie le pubblicheremo.

 

RADIO STUDIO CINQUE: Nasce alla fine del 1979 a Massa, vive il suo massimo splendore nella seconda metà degli anni '80. Cambia più volte sede e assetto societario, cessa la sua attività nel 1995.

 

RADIO TOSCANA: emittente di Carrara 

 

RADIO TOSCANA UNO:  trasmette dal 1976 da via Aronte 3 a Carrara sui 103.100 mhz. Fondatore e voce storica Renato Simonetti. L’emittente si distingue per l’ottima musica, il forte segnale e la programmazione redazionale improntata in piacevoli e ricchi notiziari nonché per la trasmissione sportiva della domenica seguita con i collegamenti dai campi di calcio per le squadre del comprensorio.  Gli anni ’80 vedono la radio cambiare totalmente. Si chiama  Radio In  si  sviluppa in network e diventa la radio più ascoltata nei primi anni 80. Nel periodo di maggior successo, riesce ad acquisire un paio di altre emittenti: Primaradio, originaria di La Spezia, poi trasferita nella sede della stessa Radio In e Radio Attiva, emittente Carrarese di matrice politica. Radio In, e le sue consociate, terminano la loro attività all'inizio degli anni 90 a seguito della scomparsa del proprietario Mario Rallo. Un altro cambio negli anni ’90 e diventa: Radio Italia solo musica Italiana. Oggi si chiama Radio Italia In. (Ruggero Righini).

 

RADIO APUANA: nasce nella piccola frazione pedemontana di Turlago di Fivizzano (Massa Carrara) nel dicembre 1976 per mezzo di Paolo Borella, Stefano Tomè e Paolo Grassi. Ha sede nella casa di quest’ultimo, irradia i suoi programmi dai 101 mhz. Da subito imposta la sua programmazione con la diffusione di notizie e musica per l’area di diffusione di Fivizzano e di Aulla. La piccola radio, prima iniziativa di rilievo del territorio, nel 1978 grazie alla collaborazione di Maurizio Mannoni corrispondente di Paese Sera poi Rai 3 si evidenzia per l’emissione in tempo reale della notizia del sequestro dello statista Aldo Moro ad opera delle Brigate Rosse. Oggi ha sede in via Radda 8 e si sente su internet (Ruggero Righini).

 

RADIO GIORNALE D'ITALIA: Da Avenza di Carrara va in onda per alcuni mesi trasmettendo saltuariamente programmazione giornalistica.

 

RADIO COSTA APUANA: emittente con una sede di pochi metri quadrati in via Aurelia, in località Cudupino, nell'ex fabbricato adibito a pesa pubblica. Mhz 90,000, e 100,000, chiuse i battenti nel 1981 cedendo gli impianti ad un'altra emittente. L'origine della chiusura furono le interferenze ricevute da Radio Fortuna, un'emittente in lingua tedesca che trasmetteva solo nel periodo estivo, utilizzando come sede un furgone, che veniva posizionato nei pressi del Pasquilio.

 

RADIO ZERO: emittente di Massa, sede in piazza Stazione 1.

 

RADIO GIOVANE: emittente di Montignoso.

 

RADIO POPOLARE: Montignoso

 

RADIO DELTA: emittente di destra, di Massa, trasmetteva infatti dalla sede locale dell'allora M.S.I. e nacque per iniziativa di alcuni iscritti del Movimento Sociale Italiano: Giuseppe Poggi, Stefano Benedetti, Andrea Guidi e Bruno Quieti. Ha pochissimi mezzi. Viene autofinanziata dai militanti. Considerata alternativa alle commerciali non ha pubblicità ed è praticamente usata per la trasmissione di messaggi e contenuti politico ideologici. Ha vita breve. Nel 1982 dichiarata sovversiva viene oscurata e sigillata dal dirigente regionale Marco Cellai su espressa richiesta del segretario Giorgio Almirante che espelle dal partito i responsabili della radio Benedetti e Poggi per aver diffuso proclami e trasmesso dibattiti contro la pena di morte in un momento in cui il MSI stava promuovendo una campagna nazionale a favore. In pratica si era posta in contrapposizione e in controtendenza con le direttive politiche nazionali (Ruggero Righini).

 

RADIO FREE STEREO

 

RADIO RIVIERA APUANA: è la nuova denominazione di Radio Free Stereo, viene istituita una redazione, l'obiettivo è quello di inserirla nell'area dell'emittenza democratica progressista. Il difficile è fare una radio impegnata non noiosa, e quindi più ascoltata, che riesca nello stesso tempo a non confonderla con le altre 15 radio commerciali e non stop music che bene o male si ricevono. Dal maggio 1978, dopo un lungo e approfondito confronto e verificata una linea comune di intenti viene effettuato l'affiancamento a Tele Toscana Nord nasce R.T.T.N. Radio Tele Toscana Nord con sede in piazza Matteotti 10 a Carrara, programmazione 24 ore su 24, sei edizioni dell'AGENDA GIORNALE ed una serie di programmi di effetto: RADIO SVEGLIA, RUBRICONE, CIAO FATE VOI, GIOCHINO ADRIANO, MERCATINO E SPAZIO LISCIO, NORMALE SUPER O EXTRA, FREE MUSIC, VIETATO L'INGRESSO AI NON ADDETTI, DEDICOMANIA, CONTROCORRENTE, NO STOP MUSIC, che portano alla radio (grazie anche alla tv) a grandi indici di ascolto. Con la cessione a Canale 3 Toscana la radio si scorpora nuovamente e sotto il nome di Radio Fiesta  è in attività sui 101 mhz (Ruggero Righini).

 

RADIO CITY

 

RADIO TELE TOSCANA NORD

 

RADIO  ELLE: questa emittente nasce nel 1978 a La Spezia, nel 1984 viene rilevata da Stefano Tormè che trasferisce la sede ad Aulla e cambia la denominazione in Radio Elle racchiudendo nella onomastica la elle iniziale di  Liguria e di Lunigiana con l’impegno di trasmettere oltre alle informazioni solo musica italiana. Chiude nella metà degli anni ’90 (Ruggero Righini).

 

STAZIONE RADIO FM EDIZIONE DE IL MILIARDO: Avenza

 

RADIO GIOVANI: Massa

RADIO LUNIGIANA: Fm 102 nasce ad Aulla (Massa Carrara) nel gennaio 1977 ad opera di Claudio Di Francesco, che inizia da qui la sua attività di imprenditore radiofonico, caso unico in Italia, senza entrare mai ad operare direttamente alla messa in onda. L’emittente, impostata sul volontariato, rivolge la sua attenzione all’informazione e alla cultura. Pochi mesi dopo il Di Francesco trasferisce gli impianti a Pontremoli  e l’emittente per una zona di diffusione più vasta aggiunge al nome  Punto Nord, una redazione giornalistica formata dai pubblicisti: Natalino Benacci e Luciano Bertocchi nonché da una serie di giovani dj tra i quali spicca Mauro Bertocchi. Il palinsesto oltre l’informazione è improntato sull’intrattenimento anche di natura politica e culturale, sulle trasmissioni sportive anche in diretta e naturalmente sulla musica. Nella primavera del 1980 una spaccatura tra i soci determina lo scorporo in due nuove realtà. Le frequenze vengono utilizzate dai Bertocchi e Benacci per dar vita a Radio Ottanta ideale continuità della vecchia Radio Lunigiana, mentre Di Francesco crea Tele Radio Punto Nord, prima televisione libera della Lunigiana che prosegue per alcuni anni anche l’attività radiofonica, più che altro musica e servizi informativi prodotti per la tv. Dopo un cambio di proprietà da questa nasce nel 1992 Tele Apuana (Ruggero Righini).

RADIO NUOVA LUNIGIANA: Aulla

 

RADIO ONDA LUNIGIANA: trasmette dai 92,600 ma interferisce con Radio Milano 5 (Ruggero Righini).

 

RADIO TABERONE: Monti di Licciana

 

RADIO NOI: emittente fondata dal professor dell'Istituto Tecnico per Ragionieri Toniolo, prof.Compagnoni. Questa radio era specializzata nella diffusione di musica napoletana, cessò di esistere nel 1981, dalle sue ceneri nacque Radio Milano 5.

 

RADIO FIESTA: emittente attiva fra gli anni '70 e gli anni '80

 

RADIO STUDIO ITALIA: seconda rete di Radio Fiesta attiva negli anni '80, mhz 97,300, era specializzata in musica italiana, dalle sue ceneri nascerà Radio Club.

 

RADIO IN: nacque con il nome di Radio Toscana 1 negli anni '70 assunse la denominazione di Radio In negli anni '80, all'inizio degli anni '80 era la radio più ascoltata in provincia, nel periodo del suo apogeo rilevo Prima Radio di La Spezia e Radio Attiva. Radio In e le sue consociate cessarono di esistere all'inizio degli anni '90 a seguito della scomparsa di Mario Rallo.

 

RADIO IN: questa emittente (da non confondere con quella di cui sopra) ebbe breve vita, dalle sue ceneri nacque Radio Laser.

 

RADIO ITALIA

 

RADIO ITALIA PIU': questa emittente ebbe un breve periodo di notorietà, attualmente trasmette i programmi di Radio Nostalgia.(Ruggero Righini)

 

RADIO LUNIGIANA

 

PROGETTO RADIO: nata dalle ceneri della vecchia Radio Attiva, alterna programmi autoprodotti a quelli di Popolare Network.

 

RADIO NUOVA LUNIGIANA

 

RADIO LUNIGIANA UNO A.P.A.: mhz 102,000

 

RADIO GAMMA METATO: mhz 98,000

 

RADIO LEI: emittente che trasmetteva dal borgo della Martana, dagli 88,200,  non ha goduto di grande notorietà ma è comunque riuscita ad andare avanti per qualche anno.

 

RADIO COLORE: emittente di Massa Carrara con un format di musica italiana, attiva negli anni '80.

 

TELE RADIO PUNTO NORD: emittente vicina al Pci, nasce il 19 luglio 1981, trasmette dagli studi di Piazza Italia di Pontremoli (Ms). L'emittente, prima televisione libera della Lunigiana è dovuta all'iniziativa di Claudio Di Francesco già ideatore di Radio Lunigiana chiusa nel 1980. fra i collaboratori Arturo Faraoni.  Per alcuni anni è anche canale radiofonico e trasmette in FM, più che altro musica e servizi informativi prodotti per la tv. Dopo un cambio di proprietà da questa nasce nel 1983  Tele Apuana (Ruggero Righini).

TELE RADIO APUANA: nasce a Fivizzano (Ms) il 6 novembre 1983 ideale continuità di Tele Radio Punto Nord. Abbraccia tutto il territorio della Lunigiana. Di proprietà di Alberto Putamonti il 19 dicembre 1984 per la volontà di un gruppo di amici passa in gestione. Lasciata la radio, col nome Tele Apuana in breve tempo raggiunge l'obiettivo di creare una rete in grado di servire tutti i comuni della Lunigiana. Il suo logo un cigno nella fontana della piazza medicea della città. Altro cambio nei primi anni '90 con l’ingresso dell’impresario edile Scaletti di Gragnola e gli studi dell'emittente sono trasferiti a Piano di Quercia di Licciana Nardi (Ms). Nel 1997 viene acquistata dalla famiglia Ferri (attuale editore) il cui “patron” Enrico è Sindaco di Pontremoli. La tv ritorna a Pontremoli nell’attuale sede di piazza Italia 2. Gestita da volontari trasmette un palinsesto vario dalle 17 alle 23.30. Le trasmissioni tutte autoprodotte: il “TG” emesso in due edizioni, le sportive “Punto Sport” e “Sportissimo”, le Partite di calcio, volley o basket, le rubriche “Andiamo al cinema”, “Gastronomia lunigianese”, “I quattro cantoni”, “Spazio libero”, la musicale di liscio e revaival  “Bruno uno”. Dato che la sua ubicazione è tra i monti della Lunigiana è diffusa da diversi canali: 28 Uhf per  Zeri e Arzelato, 29 Carrara, 34 Viano, 43 Caugliano, 46 Podenzana, 50 Campocecina, 62 Crocetta e Muletta.  L’emittente fa parte del circuito Telepace e Radio Italia TV.

RADIO STUDIO VERSILIA: emittente di Massa Carrara, sede via Stradella 1, mhz 94,400 e 107,750, ebbe un breve periodo di notorietà. Ha cessato di esistere nel 1993.

 

RADIO MILANO 5: emittente nata nel 1982 dalle ceneri di Radio Noi, irradiava i suoi programmi dai 92,500 e 104,700 mhz, successivamente cambiante con 92,400 e 92,600. Con un nuovo proprietario molto ambizioso e con molti mezzi l'emittente da Radio Noi ereditò la sede, ma per il resto era una radio completamente diverse: adottava il formato "solo musica", ma nel corso degli anni non ha disdegnato di fare anche programmi molto parlati. Questa radio non è mai stata al vertice delle indagini di ascolto, ma è stata sicuramente una radio molto famosa e molto seguita. Ha fatto scuola nel modo di proporre la musica e nel modo di realizzare gli spot pubblicitari. Ha cessato di esistere il 20 agosto 2004.

 

RADIO STUDIO 5: emittente che visse il suo massimo splendore nella seconda metà degli anni '80, cambiò più volte sede e proprietà. Ha cessato di esistere nel 1995.

RADIO STUDIO CINQUE INTERNATIONAL

 

RADIO LASER: emittente di Massa Carrara che nacque rilevando la frequenza della vecchia Radio In, dopo qualche mese si trasferì a Sarzana, attualmente ripete i programmi del network Lattemiele.

RADIO MISERIA

 

RADIO POPOLARE

 

RADIO ONDA: questa emittente trasmetteva dai 92,600 mhz, ebbe problemi con Radio Milano 5 a causa di interferenze.

 

RADIO ONE: questa emittente trasmetteva dalla sede del Pic dagli mhz 91,600 utilizzando lo storico nome di un'emittente fiorentina, la particolarità di questa radio è quella di proporre solo musica pop-rock anni '70. (Ruggero Righini).

 

RADIO QUEEN: piccola emittente di Massa Carrara fu attiva per circa un anno.

 

RADIO STUDIO ITALIA

 

VILLARADIO ESSEGI’

 

RADIO MUSIC NET

 

    RADIO RISAT NETWORK

 

RADIO ATTIVA DIMENSIONE RADIO: emittente comunitaria

 

RADIO STUDIO CINQUE INTERNATIONAL

 

RADIO SUPER TIRRENO

 

RADIO STUDIO 81: seconda rete di Radio Super Tirreno prese per qualche mese la sede del C.S.I., durò un paio d'anni.

 

RADIO GIORNALE D'ITALIA: emittente di Avenza di Carrara, trasmise saltuariamente nel corso degli anni '80.

 

CONTATTO RADIO: questa emittente è nata dalle ceneri di Radio Attiva, alterna programmi autoprodotti a quelli di Popolare Network.

 

RADIO SOUND: emittente di Massa trasmette dal Miirteto.

DIMENSIONE RADIO: ideale continuità di Radio Attiva (La Spezia) nasce nel 1989 a Carrara (MS). Lo spirito che anima l’emittente è lo stesso. Le trasmissioni e gli approfondimenti sono possibili grazie al lavoro dei volontari che aderiscono al progetto editoriale portato avanti dall’associazione Radio Attiva. Verso la fine del 1996 una seconda grossa crisi. Nel 1997 diventa Contatto Radio (Ruggero Righini).

PISA

 

RADIO PISA: emittente di Castelfranco di Sotto Fm 103.100 nasce nel novembre 1975, dicono (ma non è vero) tredicesima in Italia, da un idea della famiglia Bolognesi che pensa di dare vita ad una radio che nel tempo diventerà una delle più ascoltate della Toscana. E’ l’inizio di un’avventura. I fratelli Romolo detto Franco e Remo Bolognesi girano per i negozi a regalare transistor per far capire cosa sia e per insegnare che su quel determinato canale, su quella precisa frequenza si sarebbe potuto ascoltare appunto una nuova voce. In pochi sanno cosa è la modulazione di frequenza anche perché le autoradio trasmettono soltanto in onde medie dove va alla grande Radio Montecarlo. Un enorme traliccio che in realtà è una semplice gru dimessa con sopra una collineare per le trasmissioni viene montato fuori dagli studi. Potenziata ed ampliata, sede in via Leonardo da Vinci 36, nel 1977 cambia denominazione Radio Quattro. (Ruggero Righini).

 

RADIO PISA 20 GIUGNO: nasce nel 1976, la sede era in un piano terra laido e fumoso, irradiava i suoi programmi dai 104,500 mhz.

 

RADIO QUATTRO: emittente che nasce come Radio Pisa, è ancora in attività.

 

RADIO QUATTRO SECONDA RETE: secondo canale di Radio Quattro.

 

RADIO AZZURRA: emittente di Santa Croce sull'Arno

 

RADIO VALDERA UNO: prima emittente fondata da Loriano Bessi nel 1978.

 

RADIO CUORE

 

RADIO CUORE DUE: altra emittente di Loriano Bessi, propone musica italiana dagli anni '60 e dei primi anni '70.

 

SUPERCUORE: altra emittente di Loriano Bessi, propone musica italiana (30%) e musica straniera (70%).

 

CENTOFIORI: altra emittente di Loriano Bessi.

 

RADIO PISA INTERNATIONAL: emittente attiva dal 1975, irradiava i suoi programmi dai 104 mhz, sul palazzo dove ha gli studi in via Gentineschi 8 in Borgo Stretto a Pisa viene montata una grossa insegna che pubblicizzava la nuova voce. Fa 'parte di quella rete nata nel marzo 1975 che in soli nove mesi riesce a servire gran parte della penisola. Ruggero Righini.

 

RADIO PISA INTERNAZIONALE

 

RADIO CITTA' FUTURA: emittente di Pisa clone dell'omonima radio romana, ebbe vita brevissima.

 

DOCTOR DANCE

 

RADIO PUNTO ZERO: Forcoli

 

RADIO ONDA NUOVA

 

RADIO SEVEN: Monooli in val d'Arno (Pisa)

 

RADIO EVANGELICA CALCI

 

RADIO TOSCANA LIBERA RTL: emittente di Perignano (Pisa), mhz 100

 

RADIO ONE

 

RADIO SEVEN

 

RADIO STUDIO 104

 

FUNNY JOCKER RADIO 108: Ponsacco (Pisa)

 

RADIO PONSACCO: Frazione Treggiaia Pontedera

 

RADIO MAGGIO: Avane

 

RADIO INCONTRO: nasce a Pisa nel dicembre 1977 come emittente di ispirazione cattolica per mezzo di un gruppo di amici tra cui Beppe Martini e Marco Leonetti. Racconta  negli anni lo sviluppo della città e da la possibilità di scoprire il mondo della radiofonia a circa 250 collaboratori tra speaker, redattori, autori e tecnici. Unica emittente radiofonica rimasta nella città di Pisa, festeggia nel dicembre 2007 i 30 anni di attività con una maxi-diretta lunga 60 ore. Ha sede in via di Fortezza 1 ed è diretta da Beppe Martini. Si ascolta sui 107.75 FM nelle provincie di Pisa, Lucca, Livorno e nel resto della Toscana occidentale e in streaming live nel sito www.incontro.it . Tra i programmi: “Incontro week end” spazio contenitore della domenica pomeriggio dedicato allo sport e alle curiosità, “Shake”sulla musica soul e black, “Blow out” che tratta di cinema (Ruggero Righini).

 

RADIO TOSCANA LIBERA: Pontedera

 

RADIO TORRE: Fm 97.500 MHz nasce nel 1975 presso il centro Chiarugi a Volterra (Pisa) per mezzo di un gruppo di amici guidato da Alessandro Nencini detto il Gufo. Chiude nel 1986. Nencini oggi ricorda: "C'è la voglia di ridare vita a Radio Torre. Il gruppo compatto di vent’anni fa c’è sempre, e stiamo cercando di ottenere le frequenze dal Ministero delle telecomunicazioni. Se ce la faremo, potremo intanto trasmettere per sei mesi in via sperimentale". (Ruggero Righini).

TELE RADIO MONTE SERRA: Pisa

 

ANTENNA 40: Bientina (Pisa)

 

RADIO BIENTINA LIBERA

 

RADIO BELVEDERE: S.Pietro Capannori Val d'Era

 

RADIO VAL D'ERA UNO: Servatelle Terricciola

 

RADIO OFF: Cascina

 

TELE RADIO GAMMA - RADIO LUNA: Arena Metato

 

RADIO PONTEDERA UNO

 

RADIO POPOLARE:  Pontedera

 

RADIO TAM: Pontedera

 

PUNTO RADIO 94: Cascina (Pisa)

 

RADIO JAMAICA: emittente di Cascina (Pisa)

 

PROFESSIONE RADIO MIXAGE

 

RG1: Mhz 99,500

 

RADIO MCT: mhz 100,500

 

PUNTO RADIO CASCINA

 

RADIO TINO RECORD INTERNATIONAL: fm 96 nasce a Cascina come prima radio locale nel 1975 quando Mario “il gazzettino” (da cui il nome Tino) fa costruire all’amico Michele un piccolo trasmettitore di 3 watt ed un mixer poi prende il suo giradischi, quello dell’amico Giuliano, rintraccia un vecchio registratore a bobine ed un microfono e porta tutto nella sua cameretta diventata sede della radio. All’inizio trasmette da solo poi quando si rende conto che tutto ha un limite si fa aiutare dagli stessi amici Giuliano e Michele e da: Fausto, Ilio, Alessandra, Cinzia e Paola. Si accorge però ben presto che la cameretta è troppo piccola per ospitare tutta quella gente così cambia sede. Si trasferisce nei locali della Pubblica Assistenza, cambia nome e frequenza. Si chiama Punto Radio 94. Ma altre radio disturbano il segnale di emissione così si succedono vari cambi di frequenza prima sui 93.4 poi sui 91 tanto che nel nome perde la frequenza ed è solo Punto Radio. Nel 1985 trasmette sui 91.6 dal monte Serra ed arriva fino a San Teodoro in Sardegna. Diventa socia dell’Arci ma nel 1986 per un furto subito al ripetitore è diffusa in ambito strettamente locale come una radio di strada. Inevitabile è il nuovo cambio di sede. Trasloca a San Frediano nei locali di Radio Primo Maggio che ha avuto vita breve e ha chiuso. Ma anche stavolta dura poco. Quando tutto è sperperato torna a Cascina stavolta ospitata nei locali dove ha posto anche la Biblioteca Comunale e riesce ad istallare un ripetitore sul monte Capitano. Continua le trasmissioni come radio comunitaria. (Ruggero Righini).

 

PISTOIA

 

RADIO PISTOIA:  storica emittente nata nel 1977, trasmetteva dai 94,700 mhz, è rinata in web nel luglio 2007 con la denominazione di Rp Radio Pistoia Live per iniziativa Massimo Coveri, la sua sede è in via Sauro 338 a Pistoia.

 

RADIO DIFFUSIONE PISTOIA

 

AUDIRADIO

 

RADIO JEANS: Ferruccia (Pistoia)

 

EMME RADIO

 

GPR NETWORK

 

NOVARADIO MONTECATINI

 

RADIO CENTRO

 

RADIO SOUND PISTOIA: mhz 101,500

 

RADIO CENTRO DIFFUSIONE PISTOIA

 

RADIO SORRISO: storica emittente di Pistoia, fra i collaboratori Alessandro Niccolai e Andrea Agresti (che oggi lavora a STRISCIA LA NOTIZIA e a LE IENE). Grazie ad Alessandro Niccolai per la testimonianza).

 

RADIO EUROPA

 

RADIO MONSUMMANO: storica emittente che ha cessato di esistere nel 2001 cedendo la sua frequenza (99,1000 mhz) a Radio Sound Pistoia.

 

RADIO BELVEDERE DI QUARTIERE: emittente nata nel 1976 per iniziativa di Claudio Baldini, sede via Adige 3 Pistoia.

 

RADIO MONTECATINI

 

EMMERADIO

 

RADIO ANTENNA LIBERA: emittente di Montecatini Terme (Pistoia), nata nel 1978 per iniziativa di Mario Matto, Massimo Macucci e Massimo Gabbani. La sede era in via Dante Alighieri 44 (la stessa Tele Montecatini). I fondatorii, unitamente ad altri appassionati di elettronica del liceo, costruiscono artigianalmente un primo trasmettitore radio e cominciano a trasmettere da Le Passerine (Cozzile) musica revival, la radio irradia i suoi programmi dai 105,000 mhz. La programmazione artigianale va avanti fino al 1981 poi immancabile la chiusura. Sulle ceneri dell'emittente nasce Radio Stop. (Ruggero Righini).

 

RADIO ROMBO

 

RADIO TOSCANA 1

 

RADIO MODULARE CENTRO PISTOIA (RADIO SUPERCUORE MODULARE CENTRO PISTOIA): l'emittente nasce nel 1976 per iniziativa della famiglia Borghetti, irradia i suoi programmi dai 100,500 mhz (poi 100,600) sede via Michelangelo 3 a Montecatini Terme (Pistoia). Trasmette con svariata potenza e copre gran parte delle provincie di Pistoia, Lucca, Pisa, Livorno, Massa Carrara, La Spezia. Fra le voci il professor Capaccioli e Tino Di Bacco lettore del radiogiornale. Ci collaborano inoltre Gianni Taddei e Marco Arrigoni (fino al 1982). Nel 1980 si accoppia con Radio Veronica, poi si affilierà a Radio Supercuore, fra i collaboratori Alessandro Niccolai.   Nonostante i buoni propositi chiude sulla fine degli anni '90 lasciando un certo rimpianto  (Ruggero Righini).

 

RADIO X: Moniglio

 

PUNTO RADIO

 

RADIO ORIZZONTI: Emittente nata dal successo di Radio Rombo diretta da Fabrizio Faber che ricorda come il successo dell'esperimento pistoiese non passò inosservato e l'intera Conferenza dei Vescovi Toscana si persuase a creare un polo radiofonico regionale chiamato appunto Radio Orizzonti. Radio Orizzonti si trasformò poi in Radio Monte Serrra (oggi Radio Toscana).

 

RADIO CENTRO COOP "AMICIZIA": Agliana

 

RADIO CENTRO AGLIANA: prima denominazione dell'attuale Radio O La Radio con la Macchia.

 

RADIO DIFFUSIONE AGLIANA

 

RADIO MONSUMMANO: Monsummano Terme

 

EMITTENTE RADIOONICA CENTRALE CINTOLESE: Cintolese Monsummano Terme

 

RADIO MODULARE CENTRO TOSCANA - RMCT: emittente di Montecatini Terme, emittente della famiglia Borghetti, per un certo periodo ci lavorò Gianni Taddei.

 

RADIO DI MUSICA ALTERNATIVA SPAZIO C: Montecatini Terme

 

RADIO ANTENNA LIBERA: Montecatini Terme

 

RADIO TOSCANA CENTRO VALDINEVOLE: Pescia

 

RADIO TELE MONTAGNA PISTOIESE: emittente nata nel 1975 per iniziativa di Piergiovanni Zinnani e Valdemiro Bacci, entrambi di San Marcello Pistoiese. La radio era locata in una mansarda di una baita in località La Cornia Monte Oppio San Marcello Pistoiese, fra Maresca e Gavinana, fra i collaboratori Giovanni Notarnicola e Alessandro Tonarelli (collaboratore de LA NAZIONE per i servizi di cronaca dalla montagna). Conosciuta anche con l'acronimo di Rmt, a metà degli anni '80 assume la denominazione di Radio Montagna Club. Ci fu anche un tentativo di dare vita a un'emittente televisiva. Segnalazione di Fernando Menichini.

 

RADIO CITY: .Casalginidi Serravalle Pistoiese

 

SIENA

 

RADIO SIENA: nata nel 1975 e ancora in attività.

 

RADIO SIENA 103:  nacque verso la prima metà del 1976 in un vecchio scantinato di vicolo  di Castelvecchio 12 per mezzo di un gruppo di appartenenti dei gruppi della sinistra del PCI ed extraparlamentare di Avanguardia Operaia e Lotta Continua che già avevano fondato il Circolo e organizzato concerti, ascolti di dischi commentati, campagne di controinformazione sulla droga, sulla musica e un giornalino. Con l’ultimo concerto organizzato di Francesco Guccini venne finanziata parzialmente la nascita della radio “di movimento” militante che voleva risvegliare le coscienze.  Per sigla iniziale dei programmi inizialmente diffusi sui 102.500 MHz fu scelta “Have you seen the saucers” dei Jefferson Airplane. Tra i fondatori Dino Castrovilli con alle spalle un’esperienza come giornalista col Nuovo Corriere Senese (che era un settimanale del PCI) e che poi aveva iniziato a lavorare con Il Tirreno, Guido Bosco e Guido Giorgetti che studiavano elettronica ed erano abbastanza preparati per costruire il trasmettitore, Daniele Bielli proprietario della sede sulla collinetta di Castelvecchio insonorizzata e divisa in due parti: una, più grande per riunirsi, l’altra più piccola con la vetrata che ospitava lo studio, i giradischi forniti dagli amici, i dischi tantissimi prestati, i microfoni comprati o fatti dare in cambio di pubblicità, un “Revox” che serviva la notte per mandare musica, un mixer e un paio di registratori a cassette. I primi tempi vennero mandati in onda nastri di prova (anche per testare il segnale) poi programmi di controinformazione che riempivano un vuoto con piccoli notiziari, rassegne stampa (con commenti più o meno feroci) e telefonate a “inviati”. Più che limitarsi a parlare dei fatti che accadevano, in radio speravano di sollecitare un certo tipo di riflessione in chi ascoltava ed il mezzo funzionava anche se parlava un linguaggio spesso “duro” con le registrazioni di occupazioni, assemblee, cortei. All’inizio niente pubblicità per non essere legati a nessuno, poi, non avendo altra entrata se non le sottoscrizioni o l’organizzazione di concerti qualche spot anche se gli introiti non riuscirono comunque a ripagare le spese della radio per l’acquisto dei dischi, per le bollette e per l’acquisto di nuova attrezzatura nonostante il fatto che l’affitto da pagare non ci fosse e che il lavoro svolto all’interno della radio era naturalmente tutto volontario. Gli introiti pubblicitari aumentarono quando, con grande scandalo di alcuni, l’emittente, che intanto era passata nei locali della Casa dello Studente in via XXIV Maggio 1 e  si era iscritta al Fred – Federazione Radio Emittenti Democratiche, aprì al Palio di Siena con commenti e dirette, un boom pazzesco e anche una svolta importante per la radio che passò da una fase “puritana” in cui il target era un pubblico di sinistra ad un’altra fase in cui diventò una radio più “aperta”. Trasmetteva musica “di qualità” sia rock che blues e jazz, ma anche musica italiana cercando di evitare le “canzonette”. Naturalmente all’interno del panorama musicale italiano dava più spazio a quei cantautori più “impegnati”, a quelli cioè che avevano qualcosa da dire. Una curiosità: era regola di non parlare sopra le canzoni, anzi, gli speaker osservavano un piccolo momento di silenzio prima e dopo il brano in modo che da casa gli ascoltatori lo potessero registrare per intero in una forma di “democrazia musicale” quando invece oggi si parla sopra l’intro del brano anche per non permettere questa pratica. Un aneddoto inedito lega Radio Siena al movimento del ‘77 e a Radio Alice, quando quest’ultima fu chiusa con il sequestro delle attrezzature tre collaboratori della radio bolognese una notte fecero tappa a Siena dai colleghi della radio senese che gli fornirono un nuovo trasmettitore per riprendere le trasmissioni clandestinamente. Ma ben presto anche qesta realtà rimase schiacciata e nel marzo del ’77 la prima radio di Siena chiuse le trasmissioni. Poi le riprese, ma il nucleo centrale oramai era sfaldato. Nessuno aveva la passione o la capacità per portare avanti quest’esperienza. Ad un certo punto, per risanare i debiti, fu venduta al PCI. In seguito diventò il “braccio commerciale” di Antenna Radio Esse. (Ruggero Righini).

 

 

RADIO  ESSE: emittente di Siena fondata nel 1976, sede in via sede via Peragna 5, frequenze mhz 91.200;  93,200;  99,500;  99,100 e 99,400.  Nel 1977 si fonderà con Antenna Senese per dare vita all'attuale Radio Antenna Esse.

 

RADIO ANTENNA ESSE: emittente nata nel 1977 dalla fusione di Antenna Senese e Radio Esse. E' tuttora in attività.

 

RADIO CHIANCIANO TERME

 

RADIO LIBERA CHIANCIANO

 

RADIO OPHELIA: Colle val d'Elsa

RADIO 98: emittente di Castelfiorentino via dei Mille 9, attiva nel marzo 1979.

RADIO STERCO "IL MANGIA"

 

BLACK & WHITE

 

RADIO DIFFUSIONE SENESE: località Osservanza.

 

RADIO ROSA: emittente nata nel 1980 con la denominazione di Radio Pick Up, nel 1990 nasce la seconda rete chiamata per l'appunto Radio Rosa che trasmette sola musica, pochi anni dopo, a seguito della legge Mammì, le due reti vengono unificate con la denominazione unica di Radio Rosa denominazione con la quale è tuttora in attività.

 

RADIO 3 NETWORK: emittente di Poggibonsi ancora in attività.

 

RADIO SAN GIMINIANO

 

RADIO MONTE AMIATA: emittente di Abbadia San Salvatore (Siena)

 

RADIO TUA

 

RADIO NEVE: emittente di Piancastagnaio  (SI)

 

RADIO PAPESSE: trasmette via internet ed è unica in Italia con una programmazione d’arte contemporanea. Ha sede in via di Città 126 a Siena. L’hanno ideata Ilaria Gandez (direttore), Carola Haupt e Cristiano Magi. Non trasmette pubblicità. Offre un servizio di “podcasting” permette cioè di scaricare i documenti audio e video in modo di ascoltarli sul computer. Naturalmente trasmette musica: elettronica, elettroacustica, jazz, rock, ambient (Ruggero Righini).

 

AMIATA RADIO: è nata nel 2003. Trasmette da Abbadia San Salvatore (Siena). E’ una web nata quasi per gioco che nel tempo si è trasformata grazie ai continui investimenti. La  programmazione è sempre aggiornata e mai monotona, con notiziari ogni ora e programmi dal vivo tutto il giorno (Ruggero Righini).

 

RADIO FACOLTA' DI FREQUENZA: trasmette dal 1998.

 

RADIO SPOT INTERNATIONAL

 

RADIO ONE OF SIENA: mhz 100,800

 

CITY ONE: mhz 101,500

 

RADIO ANTENNA SENESE: nasce nel 1976 a Siena per iniziativa di un gruppo di ragazzi, tra questi Alessandro Gonnelli. Tutto è all’impronta del volontariato, del divertimento, del ritrovo. Tra i programmi più seguiti: “Le dediche”, “Horror show” con Black Rider alias Alessandro Gonnelli, lo sport locale con le partite del calcio e basket ed i risultati. In estate trasmette “Il Palio alla radio”. Nel 1977 si fonderà con Radio Esse e darà vita ad Radio Antenna Esse, emittente tuttora in attività.  Dal 1980 cura l’informazione con radiogiornali sia locali che nazionali. Col tempo la struttura si aggiorna, acquista nuovi macchinari per la trasmissione in digitale, segue i grandi eventi locali. Nel 2002 gli ascoltatori che quotidianamente si sintonizzano sulle sue frequenze sono  45mila settimanali, secondo “Audiradio” che controlla lo share delle emittenti radiofoniche in tutta Italia.  Oggi è l’emittente di riferimento di chi vuole ascoltare la buona musica ed essere informato su quanto accade nella provincia di Siena.  Si sente in Toscana, Umbria e Lazio. FM 91.250 per Centro storico di Siena; FM 93.200 per Provincia di Siena sud e Valdichiana, Maremma, Costa Tirrenica, e provincia di Viterbo; FM 93.500 per Siena e zona Chianti; FM 99.100 per Siena e Valdelsa. Ha sede in via Vittorio Veneto 41 (Ruggero Righini).

 

 RADIOALLELUIA: emittente comunitaria dell'Archidiocesi di Siena Colle Val d'Elsa e Montalcino,

 

RADIO ROSA: emittente di San Giminiano (Siena) mhz 90,400 nasce come seconda rete di Lady Radio che allarga così il proprio segnale da Firenze a Siena. Fra i collaboratori Antonio Del Prete (direttore artistico), Luca Burrosi, Mauro Pissi.

 

RADIO PIU': Agliana

 

RADIO PICK-UP:  nasce l’8 novembre 1980 a San Gimignano (Siena). Dediche, richieste, dirette sportive, rubriche culturali ed informative formano il palinsesto della radio fin dagli inizi. gli albori. Nel 1985 il segnale è perfettamente ricevibile in tutta la Val d'elsa, a Siena città e nel sud della provincia. La radio cresce. Nel 1989 acquista  Radio Alfredo (Poggibonsi) gli cambia nome in Radio Rosa e parte con  la seconda rete musicale,  canzoni italiane senza speaker. Le due radio diventano le più ascoltate della zona e si evidenziano anche per l'organizzazione di spettacoli musicali, manifestazioni, ecc. Nel 1990 diventa una sola grande radio che trasmette 'la musica più bella' ed è Radio Rosa che dispone di lettori compact disc  e del computer in grado di programmare e trasmettere gli spot automaticamente. Nel 1995 acquista Radio Mix ed amplia il bacino di ascolto fino a Firenze, l'hiterland, la provincia di Prato e Pistoia. Nel 2002 cambia sede e si trasferisce in nuovi e più ampi studi di Via C. Colombo, 1 nella zona industriale di Barberino Val d'Elsa (Firenze) a un passo da Poggibonsi. Usa il servizio Dj Box il juke box che permette di richiedere i brani in qualsiasi momento con un sms contenente il codice-brano da selezionare. (Ruggero Righini).

 

ALTRE EMITTENTI DELLA REGIONE:

 

RADIO A

 

RADIO STUDIO 82

 

PLAY RADIO: fra le voci storiche di questa emittente Marco Vigiani, poi a Toscana Tv.

 

RADIO NOSTALGIA: nasce nel 2005. Network d’informazione, attualità e musica no-stop trasmette regione per regione notizie di  cultura e spettacolo ogni venti minuti, giornali radio nazionali, meteo, mobilità e oroscopo, canzoni dei grandi della musica  italiana e straniera. Si ascolta in Piemonte, Valle d'Aosta, Liguria, Toscana, Lazio e nelle province di Salerno e Cagliari. (Ruggero Righini).

 

RADIO BAND: emittente nata nel 1984 da un'idea di Aniello Apicella.

 

RADIO LOVE


RADIO MART-AZZURRA


RADIO KISS


RADIO GAME


RADIO CANALE 90


RADIO SFERA


WORLD MUSIC RADIO


RADIO 107

 

SUPERRADIO