HOMENEWSTVRADIOMUSICChi siamo

ANTENNE 2 - FRANCE 2

France 2 nasce ufficialmente come secondo canale della tv di Stato francese il 21 dicembre 1963 in Francia, inaugurata l’anno successivo (precisamente il 18 aprile 1964) dal Presidente della Repubblica Charles De Gaulle. France2 inizialmente trasmette in bianco e nero e poche ore alla settimana, soltanto il 20% dei francese la riceve.  Nel 1966 debutta il primo telegiornale, France2 trasmette sette ore al giorno, ed vista dal 70% dei francesi, l'emittente propone programmi a colori per 12 ore alla settimana usando il sistema Secam.  Nel 1968 viene inserita la pubblicità, nel 1974 si ha un cambio di denominazione in Antenne 2. In Italia Antenne 2 inizia ad essere ricevuta nell’agosto 1975, grazie al lavoro di alcuni ripetitoristi appassionati della cultura francofona. I ripetitoristi pionieri sono in Toscana (forse inizialmente i Marcucci, poi grazie a Tele Centro Toscana), dalla Toscana si arriva poi in Lazio, quindi in Lombardia, nell'Italia centrale e nel Triveneto;  successivamente il segnale di Antenne 2 viene trasmesso in Italia dall'ente francofone Airfratef.  Pur senza ottenere il successo della televisione della Svizzera italiana, di TeleCapodistria e di Telemontecarlo (che proponevano i propri programmi in lingua italiana), Antenne 2 è vista da molti italiani appassionati della Francia, che conoscono il francese e vogliono tenersi aggiornati o approfondirne la conoscenza. Nel 1989 viene nominato un presidente comune sia per Antenne2 che per France3, anche se le due reti continuano ad essere autonomi dal punto di vista legale, il 7 settembre 1992 si torna al vecchio nome di France2, e si trasforma nel "canale popolare di qualità".  Nel 1995 si ha un nuovo cambio di denominazione, si torna al vecchio France2, l'emittente continua ad essere visibile in alcune zone d’Italia. Nel 1996 iniziano le trasmissioni sperimentale in digitale sul satellite, in occasione dei mondiali di Francia del 1998 France2 si trasferisce nella nuova sede (condivisa con France3) nel 15° arrondissement (distretto) di Parigi denominato "la Maison de la Television francaise" (la casa della televisione francese) in un immenso stabile moderno e tecnologicamente avanzato.   Lodata da Aldo Grasso per l’attenzione che riserva nel suo palinsesto ai programmi culturali, educativi e di informazione, secondo Grasso France 2 “contro ogni tentazione del mercato pubblicitario continua a produrre molta fiction per ragazzi, anche la programmazione cinematografica è rigorosamente d’autore finalizzata a promuovere i lavori di giovani registi. Una delle trasmissioni più famose è BOUILLON E CULTURE, rubrica culturale condotta con impareggiabile efficacia da Bernard Pivot, che dimostra come sia possibile parlare di arte, libri e cultura in tv, senza annoiare”

Dal 2003 le frequenze occupate da France 2 vengono rilevate da Canale Italia, pertanto oggi la tv francese non si può più vedere in terra italiana.

 

ECCO DUE GIORNI DI PROGRAMMAZIONE DEL 1978 DA UN VECCHIO PALINSESTO DELLA TV FRANCESE VISIBILE IN ITALIA (Tratto dal Radiocorriere Tv e indicato semplicemente come LE TELEVISIONI ESTERE: FRANCIA).

DOMENICA 10 DICEMBRE 1978

11,00 QUATTRO STAGIONI

11,30 LA VERITA' E' NEL FONDO DELLA MARMITTA

12,00 CORI

12,40 CINEMALICES

12,58 TOP CLUB DOMENICALE (NELL'INTERVALLO, 13,15, TELEGIORNALE)

14,30 L'ETA' DEL CRISTALLO SCENEGGIATO 13° PUNTATA

15,20 SAPERNE DI PIU'

16,20 PICCOLO TEATRO DELLA DOMENICA

16,45 SIGNOR CINEMA

17,30 CIOCCOLATO DELLA DOMENICA

18,05 IL MONDO MERAVIGLIOSO DI WALT DISNEY

19,00 STADE 2

20,00 TELEGIORNALE

20,32 AFFARE DI FAMIGLIA TELEFILM DELLA SERIE KOJAK

21,25 FINESTRA SU...

22,15 JAZZ

22,45 TELEGIORNALE

 

LUNEDI' 11 DICEMBRE 1978

13,35 ROTOCALCO REGIONALE

13,50 L'ETA' IN FIORE SCENEGGIATO 19° PUNTATA

14,03 AUJOURD'HUI MADAME

14,55 FILM: I TRE DI SAINT-CYR

17,25 FINESTRA SU

17,45 RECRE A2

18,45 LA VITA

19,55 IL GIOCO DEI NUMERI E DELLE LETTERE A CURA DI ARMAND JAMMOT

19,20 ATTUALITA' REGIONALI

19,45 TOP CLUB DI GUY LUX

20,00 TELEGIORNALE

20,32 VARIETA' DEL LUNEDI'

21,45 CARTE IN TAVOLA

22,35 BANDE A PART

23,45 TELEGIORNALE

...................

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

ALCUNI APPUNTI PER LA STORIA DELLA TV FRANCESE:

La televisione nacque in Francia nel 1950 (quattro anni prima dell'Italia) con la trasformazione della vecchia Rdf (Radio de France) in Rft (Radio Television Francaise), parte l'Ortf (con Tf1, il primo canale, il 18 aprile 1964 nasce il secondo canale televisivo (France2).  Nel 1963 partono i tg regionali e vengono create sedi regionali (Lorena, Champagne e Renania), il generale Charles De Gaulle inaugura la Maison Ronde che sarà il nodo centrale delle trasmissioni di Rtf. L'1 ottobre 1967 parte la tv a colori con il sistema Secam, parte il primo progetto (fallito) del deputato Vivien per la televisione privata. Il 31 dicembre 1972 parte il terzo canale che ha l'obiettivo di trasmettere a colori programmi di culturali (come annunciato nel 1969 dal primo ministro Chaban Delmas). Ma il terzo canale da culturale diventa regionale (questo almeno in Francia, in Italia da culturale passerà a regionale per poi diventare feudo del Pci) e all'inizio trasmette solo tre ore di programmi al giorno ed è visto dal 25% della popolazione (solo nel 1975 sarà coperto per il 90%). Nell'agosto 1974 l'Ortf viene diviso in sei Enti autonomi: Tf1, Antenne 2, Fr3, Radio France, Società francese di produzione Radioteleviva, Ente per le teletrasmissioni di Francia e Ina (Istituto nazionale dell'Audiovisivo). Nel 1975 cambiano i loghi e i nomi dei canali televisivi: il primo canale diventa Tf1; il secondo Antenne2,  il terzo Fr3.

Nel 1982 (in ritardo rispetto all'Italia), viene sancita la possibilità di trasmettere per i privati, nel 1983 la pubblicità fa il suo ingresso anche su Fr3, nel 1985 il governo autorizza la creazione di emittenti private, Francois Mitterand annuncia la creazione di due emittenti commerciali: La Cinq e Tv6, di li a poco parte anche Canal+ (la pay tv francese madre dell'italiana Tele+), viene creata anche una compagnia indipendente per la misurazione scientifica dell'audience (Auditel in Italia). Il 27 febbraio 1986 nasce La Sept, canale satellitare culturale europeo che dal 1990 avrà anche una finestra domenicale su Fr3. Nel maggio 1986 il nuovo governo di destra privatizza Tf1 con il 40% del capitale pubblico, il 10% derivante dal canone e il 50% da capitali privati. Il 30 aprile 1991 viene stipulato un accordo fra Francia e Germania che crea il canale culturale Arte, nel settembre 1992 il secondo e terzo canale francese cambiano il loro nome: da Antenne 2 in France2, e da Fr3 in France3.  France3 è il canale del cinema, France2 il "canale popolare di qualità". Arte nel frattempo rileva le frequenze liberate da La Cinqu nel frattempo fallita. Nel 1996 il gruppo France Television inizia le sue trasmissioni in digitale sul satellite Eutelsat a 13° Est. In occasione dei mondiali di Francia del 1998 France2 e France 3 si trasferiscono nella nuova sede di France Television (15° arrondissement di Parigi, la casa della televisione francese). L'1 gennaio 2002 la Cinquieme cambia nome e diventa France 5 integrandosi maggiormente